Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Tour de France 2020, quarta tappa: tanto rumore per (quasi) niente

Immagine di copertina

Tour de France 2020, quarta tappa: tanto rumore per (quasi) niente

La quarta tappa del Tour de France 2020, 160 km da Sisteron ad Orcières-Merlette, storico traguardo della Grande Boucle, ha deluso le aspettative concludendosi con una volata di una ventina di corridori vinta dallo sloveno Primoz Roglic (Jumbo Visma) davanti al connazionale Tadej Pogacar (UAE) ed al francese Guillaume Martin (Cofidis). Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step) ha conservato la maglia gialla con 4” di vantaggio su Adam Yates (Mitchelton – Scott) e 7” sul vincitore di giornata. La classifica resta cortissima con 24 corridori compresi in 45 secondi.

Ad animare la frazione odierna è stata una fuga di sei corridori: il tedesco Nils Politt e il lettone Krists Neilands (Israel Start-Up Nation), il belga Tiesj Benoot (Sunweb), i francesi Mathieu Burgaudeau (Total Direct Energie), Alexis Vuillermoz (AG2R-La Mondiale) e Quentin Pacher (B&B Hotels-Vital Concept). Partiti poco dopo il via, i fuggitivi hanno raggiunto un vantaggio massimo di 4’08” sul gruppo a 139 km dal traguardo, consegnando ad Alexis Vuillermoz per qualche chilometro la maglia gialla virtuale. Senza dannarsi l’anima, il plotone ha gradualmente ridotto il distacco che, a 22 km dal traguardo, era sceso a 1’47”.

A questo punto, in vista del penultimo GPM di giornata, la Cote de Saint Leger les Melezes (2,8 km al 6,8%), attaccava Neilands che faceva il vuoto. Contemporaneamente, però, anche il gruppo accelerava andando a riprendere il lettone della Israel Start-Up Nation ai meno 7, proprio nel momento in cui aveva inizio l’ascesa finale.

Era Pierre Rolland (B&B Hotels – Vital Concept) l’unico a tentare una sortita sullo strappo conclusivo. Ripreso il transalpino, la Jumbo Visma prendeva il controllo della corsa imponendo un ritmo che rendeva impossibile qualsiasi scatto. Ai 500 metri partiva Guillaume Martin, di fatto lanciando la volata di Roglic, che vinceva facilmente a braccia alzate. Una prova di forza, questa dello sloveno, dal sapore quasi intimidatorio nei confronti degli avversari. Domani è in programma la quinta tappa, 183 km da Gap a Privas. Il terreno per dare battaglia ci sarebbe. L’impressione, però, è che in gruppo, in questo momento, non ci sia grande voglia di dare fuoco alle micce. Sarebbe bello essere smentiti.

Ti potrebbe interessare
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / Simone Biles torna in gara dopo il ritiro: vince il bronzo alla trave
Ti potrebbe interessare
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / Simone Biles torna in gara dopo il ritiro: vince il bronzo alla trave
Sport / La lezione di Tamberi e Barshim: esistono vittorie senza sconfitti, nello sport come nella vita
Sport / Quinto oro per l'Italia: la coppia Tita-Banti trionfa nella vela
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Sport / “Belfast Boy, una storia inedita di George Best”: il libro di Stefano Friani alla scoperta dell’uomo oltre il calciatore
Sport / Chi è Nicole Daza, la fidanzata (futura moglie) di Marcell Jacobs
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”