Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Maradona, la Procura: “Medici colpevoli di grave incuria”. Ed è giallo sull’operazione al cervello

Immagine di copertina

Sono pesanti le accuse della Procura che sta indagando per capire se ci sono state omissioni e mancanze nelle ultime ore di vita di Diego Armando Maradona. “Nessuno si occupava del paziente, siamo in presenza di comportamento colpevole dei medici in un caso di grave incuria”, queste le prime conclusioni a cui sono arrivati i giudici di San Isidro, secondo quanto riporta Repubblica.

E si parla chiaramente di omicidio colposo. Nelle prime relazioni della Procura si legge che “il paziente non era monitorato, non era sottoposto a continuo controllo medico come le sue condizioni avrebbero richiesto e non assumeva alcun farmaco per le sue patologie cardiache”. Inoltre, “senza ogni dubbio il suo medico curante era il dottor Leopoldo Luque, che ha coordinato l’assistenza domiciliare così carente”.

Responsabilità che dovranno essere accertate in sede legale. In particolare sotto indagine è la firma della lettera di dimissioni dalla clinica di Olivos, dove Maradona venne operato al cervello il 3 novembre. Maradona era davvero in grado di lasciare la clinica così presto dopo un intervento così delicato? A firmare quel foglio furono Leopoldo Luque e Pablo Dimitroff, direttore sanitario dell’ospedale. Sotto l’attenzione dei magistrati anche la psichiatra Agustina Cosachov. “L’assistenza domiciliare del paziente si svolgeva in totale disorganizzazione”, scrivono ancora i giudici.

Dalle indagini emerge un altro dato incredibile: il dottor Leopoldo Luque non operò Maradona al cervello, come fece credere a tutti, faceva soltanto parte dell’equipe chirurgica. Ma quello che interessa gli inquirenti è soprattutto il post operatorio e le dimissioni del campione. Nonostante Diego spingesse per lasciare l’ospedale, bisognava che la sua equipe si opponesse. Perché un paziente con un quadro clinico della gravità di Diego Maradona “doveva essere curato secondo prassi, anche contro la sua volontà”.

Leggi anche: 1. Maradona, fuori dal testamento l’ex moglie e le figlie. Il campione sarebbe morto nel sonno / 2. Il patrimonio di Diego Armando Maradona: a chi andrà l’eredità? / 3. Selfie di fianco alla salma di Maradona in Argentina: le foto sui social

Ti potrebbe interessare
Sport / Simone Biles torna in gara dopo il ritiro: vince il bronzo alla trave
Sport / La lezione di Tamberi e Barshim: esistono vittorie senza sconfitti, nello sport come nella vita
Sport / Quinto oro per l'Italia: la coppia Tita-Banti trionfa nella vela
Ti potrebbe interessare
Sport / Simone Biles torna in gara dopo il ritiro: vince il bronzo alla trave
Sport / La lezione di Tamberi e Barshim: esistono vittorie senza sconfitti, nello sport come nella vita
Sport / Quinto oro per l'Italia: la coppia Tita-Banti trionfa nella vela
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Sport / “Belfast Boy, una storia inedita di George Best”: il libro di Stefano Friani alla scoperta dell’uomo oltre il calciatore
Sport / Chi è Nicole Daza, la fidanzata (futura moglie) di Marcell Jacobs
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Cronaca / “Scusa Marcell, c’è Draghi al telefono, ti voleva parlare”. La reazione di Jacobs è virale | VIDEO
Cronaca / Atleta precipita in un dirupo in montagna per vedere l’alba: Francesca Mirarchi muore a 19 anni