Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Preziosi: “Noi del Genoa non abbiamo contattato l’Asl, perché De Laurentiis l’ha fatto? Ora il calcio è nel caos”

Immagine di copertina
Enrico Preziosi, presidente del Genoa, e Aurelio De Laurentiis, numero uno del Napoli

“Un brutto precedente. Noi la Asl non l’abbiamo contattata, il Napoli evidentemente sì, sarebbe bello sapere perché De Laurentis l’ha fatto”. Il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, in un’intervista a Selvaggia Lucarelli su Radio Capital, dice la sua sulla partita (non giocata) Juventus-Napoli e sulla situazione del calcio alle prese con il Covid.

“Quello di ieri sera è stato un brutto precedente, si pensava ci fosse un protocollo molto chiaro a cui tutte le società avrebbero dovuto attenersi e invece le Asl locali lo bypassano provocando un caos. Da adesso qualsiasi società che interpelli la Asl locale, anche con un solo positivo, potrà non giocare perché decide qualcun altro”. Di seguito un estratto dell’intervista su Radio Capital con Selvaggia Lucarelli.

Presidente, ma non è obbligatorio contattare la Asl in caso di positività tra i giocatori come in qualsiasi altro caso fuori dal calcio?
“No, quando sono stati contagiati Perin e l’altro giocatore il protocollo prevedeva che, se avessimo avuto più di 10 positivi, avremmo potuto chiedere sospensione, quindi no”.
Perciò lei dice che De Laurentis ha contattato la Asl e non il contrario?
“Sembra così, è stato il Napoli a contattare la Asl”.

Non voleva giocare la partita?
“Non me lo faccia dire, è qualcosa che si intuisce, è evidente che noi non l’abbiamo contattata la Asl con due positivi e abbiamo giocato”.
Perché non volevano giocare? Perché Elmas e Zielinski fuori rosa erano un problema?
“Bella domanda. Sarebbe bello saperlo da De Laurentis”.

Il gemellaggio Genoa-Napoli scricchiola?
“Non si mette in discussione un amore così grande”.
Come lo vede il futuro del calcio?
“Sono molto preoccupato, a questo punto basta un contagiato a società per far saltare l’evento. Così la vedo molto male”.

Leggi anche: Juventus-Napoli, i quattro documenti che hanno generato il caos

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Cronaca / Green pass per tutti i lavoratori: multe fino a 1.500 euro e stop allo stipendio per chi non ha la certificazione
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"
Cronaca / Rt ancora in calo in Italia, lieve diminuzione di ricoveri e terapie intensive
Cronaca / È arrivato il numero 1 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 5.117 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 1,7%
Cronaca / Covid, Bassetti: “La pandemia potrebbe finire entro la prossima primavera”
Cronaca / Gimbe: "In ospedale quasi esclusivamente non vaccinati"