Covid ultime 24h
casi +8.561
deceduti +420
tamponi +143.116
terapie intensive +21

Morte di Emiliano Sala: Cardiff e Nantes continuano a litigare sul pagamento. I francesi si rivolgono alla Fifa

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 27 Feb. 2019 alle 15:07 Aggiornato il 27 Feb. 2019 alle 15:22
0
Immagine di copertina

EMILIANO SALA POLEMICA CARDIFF NANTES – Era stato acquistato dal Cardiff per 17 milioni di euro durante l’ultimo calciomercato invernale, ma pochi giorni dopo Emiliano Sala è diventato tristemente noto anche al di fuori del mondo del calcio a causa della sua tragica morte. Il calciatore argentino, infatti, è stato vittima di un incidente aereo il 21 gennaio 2019, mentre con il pilota David Ibbotson stava sorvolando a bordo di un’aereo leggero il Canale della Manica.

Dopo le ricerche in mare, il ritrovamento dell’aereo e del corpo e il commovente funerale, però, adesso la vecchia squadra di Sala, il Nantes, è intenzionata a batter cassa. Il club francese esige il pagamento dei 17 milioni di euro promessi dal Cardiff prima che il velivolo con a bordo il calciatore precipitasse: la prima tranche, da 6 milioni di euro, doveva arrivare la scorsa settimana. I gallesi, però, avevano chiesto una proroga di sette giorni, concessa dal Nantes.

LEGGI ANCHE: Il portafogli sotto al mare. Il Nantes chiede i soldi per Emiliano Sala, il calciatore morto in un incidente aereo

 Adesso, però, è scaduto anche quel termine. Il Cardiff tuttavia continua a non voler pagare un acquisto di cui, per ovvi e tristi motivi, non potrà mai beneficiare. I gallesi continuano infatti a sottolineare la loro volontà di attendere la chiusura delle indagini sulla tragica morte del calciatore prima di pagare. La questione, adesso, è arrivata però davanti alla Fifa.

Il Nantes infatti si è rivolto al massimo organismo mondiale del calcio, perché vengano rispettati i diritti della vecchia squadra proprietaria del cartellino di Sala di ottenere il pagamento pattuito per la vendita del calciatore.

LEGGI ANCHE: L’ultimo messaggio audio di Emiliano Sala: “Ho paura, l’aereo va a pezzi”

Si attende dunque la decisione della Fifa su un caso davvero unico nel suo genere, nel quale alla tristezza per un’incredibile tragedia sembra subentrare – e prevalere – l’interesse economico, rischiando di scrivere una delle pagine più nere della storia del calcio. Una notizia che si aggiunge a quella di qualche giorno fa, secondo cui la famiglia di Emiliano sala rischia di non ricevere nessun risarcimento danni per la morte del giovane calciatore.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.