Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

Coronavirus, lo strano caso degli hotel di Cristiano Ronaldo: dovevano diventare ospedali, poi la smentita

Di Redazione TPI
Pubblicato il 15 Mar. 2020 alle 11:12 Aggiornato il 15 Mar. 2020 alle 17:16
737
Immagine di copertina

Coronavirus, Cristiano Ronaldo non trasformerà i suoi hotel in Portogallo in ospedali: la smentita

Questa mattina era circolata la notizia che Cristiano Ronaldo avrebbe trasformato i suoi hotel di lusso in Portogallo in ospedali per l’emergenza Coronavirus. Il calciatore (che per ora non avrebbe intenzione di compiere questo passo) secondo le prime indiscrezioni si sarebbe impegnato a pagare di tasca propria “anche i medici e chiunque lavorerà nelle strutture per renderli al più presto ospedali accessibili a tutti, aiutando così la sanità in Portogallo a reggere in questo momento difficile”. Ma, come riportato da Repubblica, la notizia è stata smentita.

A diffondere la notizia degli hotel trasformati in ospedali è stato il giornale Marca ma, dopo la smentita, si è visto costretto a cancellare l’articolo. La notizia aveva fatto il giro del web partendo da un post di Edgar Caires, ex marito di Elma Aveiro (una delle sorelle di Ronaldo), che avrebbe riportato su Instagram quanto pubblicato dal sito portoghese “Arena Desportiva”. La smentita è poi arrivata dal giornale “O Observador”. La confusione è stata generata da Paula Carvalho, presidentessa di un’associazione benefica (Essencia Humana) le cui parole sarebbero state travisate: la presidentessa ha spiegato di essere stata “tratta in errore da un’altra persona”.

Quello che c’è di vero riguardo Ronaldo è che il calciatore della Juve continua la sua quarantena in famiglia, sull’isola di Madeira, e ha raccomandato sui social di seguire le indicazioni igienico-sanitarie.

Leggi anche:

1. Coronavirus, Cristiano Ronaldo è in Portogallo: tornerà in Italia quando la situazione sarà migliore / 2. La mamma di Cristiano Ronaldo colpita da un ictus: CR7 vola subito in Portogallo

3. Coronavirus, l’ingegnere italiano che stampa in 3D le valvole per i respiratori che tengono in vita i pazienti / 4. Coronavirus, il miliardario cinese Jack Ma dona all’Italia 500mila mascherine

737
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.