Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport » Calcio

Milan e Inter: “Costruiremo un nuovo San Siro accanto al vecchio, che verrà demolito”. Ma Sala frena

Immagine di copertina
Credit: Miguel MEDINA / AFP

Milan e Inter: costruiremo nuovo San Siro accanto al vecchio

Milan Inter nuovo San Siro – Milan e Inter costruiranno un nuovo stadio, che sorgerà sempre a San Siro accanto a quello attuale, che verrà demolito.

Lo ha annunciato il presidente del Milan Paolo Scaroni mentre si trovava a Losanna per la presentazione ai membri del Cio della candidatura di Milano-Cortina per le Olimpiadi invernali del 2026.

“Facciamo un nuovo San Siro accanto al vecchio, nella stessa area della concessione – ha dichiarato Scaroni ai giornalisti – Il vecchio verrà buttato giù e al suo posto ci saranno nuove costruzioni”.

Interpellato dai reporter sul tema stadio, l’amministratore delegato dell’Inter Alessandro Antonello ha confermato che i due club sono a lavoro per costruire il nuovo impianto insieme.

Tuttavia non vi sono ulteriori informazioni né sui tempi né sul progetto che verrà presentato.

“Bisogna presentare la domanda, è una procedura complicatissima” ha affermato Scaroni.

L’attuale impianto, intitolato a Giuseppe Meazza, calciatore che ha vestito sia la maglia del Milan che dell’Inter, è attualmente inserito nel dossier di Milano Cortina come sede della cerimonia di apertura, qualora le due città riuscissero a ottenere la candidatura alle Olimpiadi.

A tal proposito, Scaroni ha dichiarato: “Dovessimo fare la cerimonia nel nuovo stadio sarebbe bello”.

La nostra diretta live della votazione di oggi a Losanna

Ipotesi, però, subito smentita dal sindaco di Milano Giuseppe Milano, il quale ha confermato che “Nel dossier di Milano-Cortina abbiamo garantito che nel 2026 San Siro sarà ancora funzionante. Questa è la fine della storia”.

Sala, dunque, ha spento subito ogni tipo di speculazione sull’argomento affermando che “quella sarà la sede della cerimonia di apertura”.

“Dopo il 2026 – ha aggiunto il primo cittadino milanese – nel caso avremo un nuovo stadio, decideremo il futuro di S.Siro”.

Il sindaco ha comunque ricordato che il comune è il proprietario di San Siro. “Se Milan e Inter decideranno di fare un nuovo stadio posso solo dire che ci vorrà tempo” ha concluso Sala.

Lo spettacolare video della candidatura di Milano Cortina alle Olimpiadi invernali 2026

Ti potrebbe interessare
Calcio / Gianluca Vialli continua a lottare: Natale in ospedale insieme alla moglie e alla sorella
Calcio / Quando Mihajlovic partecipò a Ballando con le stelle: l’aneddoto su Totti
Calcio / Dalla vendita de L’Espresso alle tensioni coi sindacati: chi è Maurizio Scanavino, nuovo dg della Juventus
Ti potrebbe interessare
Calcio / Gianluca Vialli continua a lottare: Natale in ospedale insieme alla moglie e alla sorella
Calcio / Quando Mihajlovic partecipò a Ballando con le stelle: l’aneddoto su Totti
Calcio / Dalla vendita de L’Espresso alle tensioni coi sindacati: chi è Maurizio Scanavino, nuovo dg della Juventus
Calcio / Gli oligarchi del pallone: tra miliardi e superleghe il divario tra i campionati europei di calcio è sempre più alto
Calcio / Juventopoli: tutti gli scandali della storia bianconera
Calcio / “Vi spiego il golpe degli Elkann per far fuori Andrea Agnelli dalla Juventus”
Calcio / “Dal Qatar a Putin fino alla nuova Juventopoli, vi spiego cosa sta cambiando nel calcio”
Calcio / Così il Qatar si è “comprato” i Mondiali per spacciarsi come Paese aperto e moderno
Calcio / Mondiali Qatar, ecco il top 11 dei calciatori più costosi
Calcio / “Vi racconto quando l’Italia andava ai Mondiali”: intervista ad Antonello Valentini