Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

Tonya: la storia vera che ha ispirato il film

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 22 Ott. 2020 alle 17:47
0
Immagine di copertina

Tonya: la storia vera che ha ispirato il film

Stasera, giovedì 22 ottobre 2020, alle ore 21,20 su Rai 3 va in onda Tonya, film del 2017 diretto da Craig Gillespie incentrato sulla controversa vita (la storia vera) della pattinatrice su ghiaccio Tonya Harding, interpretata da Margot Robbie, protagonista nel 1994 di uno dei più grossi scandali sportivi degli Stati Uniti d’America. Nata a Portland, nell’Oregon, a soli quattro anni Tonya Harding viene instradata da sua madre LaVona a una carriera nel pattinaggio artistico: LaVona è una donna truce e violenta, che non le dimostra il minimo affetto né apprezzamento per il suo notevole talento. Nel corso di un’infanzia e un’adolescenza difficili, Tonya diventa un’eccellente pattinatrice, ma – essendo priva di grazia e gareggiando con discutibili costumi fatti in casa – non riesce a sfondare. A 15 anni conosce Jeff Gillooly e pochi anni dopo lo sposa per poter scappare dai frequenti e atroci abusi di LaVona. Tuttavia anche il matrimonio si rivelerà molto turbolento, e Jeff inizierà presto a picchiarla.

Dopo l’ennesimo cattivo piazzamento in una gara, Tonya licenzia la sua storica coach Diane Rowlinson e assume al suo posto Dody Teachman. Durante i campionati mondiali di pattinaggio di figura del 1991 esegue correttamente un triplo axel, divenendo la prima donna statunitense e la seconda in assoluto a riuscirci; tuttavia nelle successive gare, anche a causa della tensione causata dalle violenze di Jeff, sbaglia tutti gli atterraggi e alle Olimpiadi invernali del 1992 si qualifica solo al quarto posto, subito dietro a Nancy Kerrigan, sua principale rivale. Il matrimonio naufraga e Tonya, sconfitta e disillusa, lascia il pattinaggio e torna a Portland, dove lavora come cameriera.

Tempo dopo Tonya e Jeff tornano insieme. Durante un allenamento, Tonya (la cui storia vera ha ispirato il film) riceve una lettera minatoria: vedendo come la ragazza ne rimane sconvolta, Jeff inizia a pensare di spaventare nello stesso modo Nancy Kerrigan, e si rivolge perciò al suo amico Shawn Eckhardt. Questi, alla ricerca di prestigio e notorietà, invece di attenersi al piano originario ingaggia due maldestri sicari perché aggrediscano la Kerrigan e le spezzino un ginocchio. L’aggressione avviene, ma i due inetti si fanno ben presto catturare; l’FBI arriva altrettanto presto a Shawn, che si era vantato di essere l’artefice del misfatto.

Mentre intorno a lei esplode lo scandalo, Tonya si qualifica nella squadra olimpica statunitense; realizzando che in breve la polizia la riterrà complice del marito, la ragazza si reca dall’FBI e lo accusa a sua volta di essere il responsabile per l’attacco alla Kerrigan; Jeff, una volta letta la deposizione di Tonya, la accusa a sua volta di aver sempre saputo dell’aggressione e di non aver fatto nulla per impedirla. Dopo un drammatico confronto, i due si lasciano per sempre. Jeff, Shawn e i due sicari vengono condannati al carcere, mentre il processo per Tonya viene rimandato a dopo le Olimpiadi. Durante la gara olimpica Tonya è emotivamente sconvolta e sbaglia tutte le figure, nonostante la giuria le conceda più tempo per sistemare un laccio dei pattini rotto. Si classifica ottava, mentre la Kerrigan ottiene il secondo posto. Si celebra il processo e Tonya, pur non incarcerata, viene condannata a una pena molto severa che prevede anche la squalifica a vita dal pattinaggio.

Chi è Tonya Harding

Tonya Maxene Price, nata Tonya Maxene Harding (Portland, 12 novembre 1970) è un’ex pattinatrice artistica su ghiaccio e pugile statunitense. Nonostante un’infanzia difficile, e sebbene fosse sofferente d’asma (era anche una fumatrice), divenne una pattinatrice di livello internazionale. Fu la seconda donna, dopo la giapponese Midori Itō, a eseguire un triplo axel in una competizione ufficiale. È soprattutto nota al grande pubblico per il suo coinvolgimento nell’aggressione alla pattinatrice Nancy Kerrigan, avvenuta nel gennaio 1994, cui seguì uno scandalo mondiale.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.