Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » TV

Non c’è pace per Fuortes: scoppia la polemica tra il direttore di Rai 1 Coletta e il Cdr del Tg1

Immagine di copertina

Non c’è pace per Fuortes: dopo la repentina marcia indietro sui vaticanisti continuano le polemiche a Saxa Rubra. Ad innescare la miccia stavolta è stato il direttore di Rai 1 Colletta con le sue parole sulle morning news, subito rintuzzate dal CDR del Tg1.

Sentite qui: “Il Tg1 è pronto a collaborare anche con il direttore Coletta per ripensare e migliorare la formula delle morning news, anche in vista degli appuntamenti importanti che ci attendono, a partire dell’elezione del Capo dello Stato, sempre ricordando però che la titolarità dell’informazione su Rai 1 spetta al Tg1 e ogni innovazione va condivisa con la testata e la redazione”.

Insomma, va bene collaborare ma nessuno pensi di fare di testa sua. Velenosissima la parte finale del comunicato: “Proponiamo inoltre, nell’ottica di ottimizzare e ridimensionare i costi, di ricorrere di più ai giornalisti Rai come commentatori nelle trasmissioni delle Reti, professionisti che nulla hanno da invidiare ai colleghi di altre testate, e dunque di limitare il ricorso giornalisti esterni scritturati a pagamento”. Il riferimento a taluni prezzemolini tv è puramente voluto. Chissà a quanti saranno fischiate le orecchie.

Poteva finire qui? No certamente perché è Colletta a rinfocolare la polemica: “Mi piacerebbe riportare un’identità autorevole nell’informazione di Rai 1. Penso che nell’informazione sia più complicato lanciare nuovi talenti, che è una delle missioni che l’azienda ci chiede. Siccome sono nati tanti talk show, penso che nel riportare l’informazione a Rai 1 sia intelligente scegliere una fascia post Tg1, come fatto tanti anni fa con Biagi, o sfidare la prima serata con un volto che sia portatore della credibilità di Rai 1″.

Apriti cielo: il CDR del Tg1 sta già vergando in fretta e furia un altro comunicato. Il timore dei giornalisti è che la rete voglia prendersi l’informazione a scapito della testata. Ma se la rete (che per regola dovrebbe occuparsi dell’intrattenimento) fa informazione la redazione di cosa si occupa? Questa è la domanda che si fanno in molti nella redazione del Tg1. Nel frattempo tutti guardano a Giuseppe Carboni, il direttore del tg della rete ammiraglia. Che però tace.

Ti potrebbe interessare
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: gli ospiti (cast) dello show con Amadeus
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: la scaletta della prima serata
TV / Arena Suzuki ‘60, ’70, ’80: quante puntate, durata e quando finisce
Ti potrebbe interessare
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: gli ospiti (cast) dello show con Amadeus
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: la scaletta della prima serata
TV / Arena Suzuki ‘60, ’70, ’80: quante puntate, durata e quando finisce
TV / Un fantastico via vai: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Space Jam: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Tu si que vales 2021, le anticipazioni della puntata di oggi
TV / A che ora inizia Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: l’orario della messa in onda su Rai 1
TV / Tu si que vales 2021 streaming e diretta tv: dove vedere la puntata di oggi
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80 streaming e diretta tv: dove vedere la prima puntata
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: tutto quello che c’è da sapere sullo show di Rai 1