Me

Torna Montalbano: tutto quello che c’è da sapere sul commissario più amato d’Italia | Replica in onda il 23 maggio

La celebre fiction di Rai 1, basata sui libri di Andrea Camilleri torna con due nuovi episodi lunedì 11 e 18 febbraio 2019

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 23 Mag. 2019 alle 16:30 Aggiornato il 14 Ott. 2019 alle 12:38
Immagine di copertina

Montalbano 2019 | Rai 1 | Cast | Trama | Streaming

MONTALBANO 2019 – Torna su Rai 1 uno dei personaggi televisivi più amati in Italia, il commissario Montalbano. Il simpatico poliziotto, inventato dalla penna di Andrea Camilleri e interpretato da Luca Zingaretti, è pronto a divertire ancora una volta il pubblico italiano grazie a due nuovi episodi, trasmessi in prima serata per due lunedì consecutivi, l’11 e il 18 febbraio 2019.

Con queste due nuove puntate, il totale dei film girati da Rai 1 su Montalbano sale a 34. Il 2019 è anche l’anno del ventennale della trasposizione televisiva del personaggio, visto che il primo episodio (“Il ladro di merendine”) è andato in onda il 6 maggio 1999, su Rai 2.

Negli anni le storie del commissario di Vigata, cittadina sul mare in provincia di Montelusa (due nomi di fantasia che nei romanzi corrispondono alle città di Porto Empedocle e Agrigento, collocati però nella fiction in provincia di Ragusa), hanno raggiunto uno straordinario successo di ascolti. Non soltanto nelle prime visioni, durante le quali sono stati raggiunti anche picchi di 11 milioni di spettatori e del 44% di share (era l’episodio “Come voleva la prassi” del 2017), ma anche nelle repliche.

Il Commissario Montalbano, inoltre, è amatissimo anche all’estero: le varie puntate sono state tradotte e trasmesse in circa 60 paesi. È soprattutto in Gran Bretagna e negli Stati Uniti che la fiction ha riscosso un grande successo, diventando un’eccellenza televisiva italiana.

I due nuovi episodi, rispettivamente “L’altro capo del filo” e “Un diario del ’43“, sono stati girati nella primavera del 2018 dal regista Alberto Sironi.

LEGGI ANCHE: Gli ascolti de “L’altro capo del filo”

LEGGI ANCHE: Gli ascolti de “Un diario del ’43”

Il primo dei due, che tratta il tema degli sbarchi dei migranti, ha provocato non pochi grattacapi ai vertici della Rai e al governo. Il punto di vista della fiction sulla questione immigrazione, infatti, è opposto rispetto alla linea dell’esecutivo giallo-verde.

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla fiction.

Montalbano 2019 | Trama primo episodio | L’altro capo del filo (11 febbraio 2019)

La dodicesima stagione si era conclusa con i preparativi del matrimonio tra il commissario e la compagna Livia. Il pubblico adesso attende soltanto il momento in cui le tanto auspicate nozze verranno celebrate. Ma non mancheranno, ovviamente, contrattempi.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Alcune scene del primo episodio della fiction, tratto dall’omonimo libro di Camilleri, sono ambientate singolarmente in Friuli Venezia-Giulia, a Bellosguardo, dove Salvo Montalbano si trova per volere di Livia, che lo ha invitato alla festa per il rinnovo della promessa di matrimonio di due suoi amici. Una cerimonia che fa riflettere il commissario anche sulle sue imminenti nozze con la compagna.

Nel frattempo, però, dalla Sicilia arriva un nuovo caso per Montalbano: l’omicidio di Elena, una sarta molto apprezzata per i suoi modi cordiali. La sua morte viene collegata ai numerosi sbarchi di migranti in corso a Vigata.

Tutto il commissariato infatti è impegnato in turni notturni per permettere ai migranti di sbarcare ordinatamente e in sicurezza. Lo stesso Montalbano, in alcune scene, salirà a bordo delle imbarcazioni che portano i migranti sulle coste siciliane. Proprio quando va a Bellosguardo, però, il Commissario avrà l’intuizione giusta per scoprire il vero colpevole della vicenda.

LEGGI ANCHE: La trama dei due nuovi episodi di Montalbano

Montalbano 2019 | Trama secondo episodio | Un diario del ’43 (18 febbraio 2019)

Nel secondo dei due episodi, “Un diario del ’43”, tratto da due racconti di Camilleri (Il diario del ’43 e Being Here), Montalbano entrerà in possesso di un diario, trovato sepolto nella sabbia dal preside Burgio. La data incisa sul libricino è il 1943 e il suo contenuto è a dir poco spiazzante: qualcuno, mentre si combatteva la seconda guerra mondiale, aveva scoperto qualcosa di terribile e aveva tramandato le informazioni in un piccolo diario.

A scrivere era stato un giovane fanatico fascista 15 anni, un certo Carlo Colussi, che raccontava di un attentato contro gli americani sbarcati in Sicilia. Il commissario dovrà dunque indagare per capire se l’attentato si sia verificato davvero, o se sia rimasto solo un proposito.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Nel corso della puntata, inoltre, si scoprirà che l’autore del diario è poi emigrato in America. Torna dunque il tema delle migrazioni, questa volta dall’Italia verso un altro paese.

La storia si intreccia con quella di un 90enne, John Zuck, vigatese di nascita che durante la guerra fu fatto prigioniero dagli americani. Con la morte dei genitori in un incidente stradale, l’uomo decise di restare negli Stati uniti. Una volta tornato a Vigata, però, scopre il suo nome inserito erroneamente sulla lapide dei caduti in guerra e chiede aiuto a Montalbano.

Il giorno dopo, un altro novantenne, Angelino Todaro, uno dei più ricchi imprenditori della città, viene trovato morto. Montalbano sarà dunque chiamato a indagare sulle tre storie, che si riveleranno sorprendentemente collegate tra loro.

L’episodio, inoltre, è un omaggio all’attore Marcello Perracchio, morto nel luglio 2017 a 79 anni. Nella fiction, Perracchio interpretava il dottor Pasquano, il medico legale che tante volte ha affiancato Montalbano nelle indagini.

Nel corso della puntata, Montalbano si recherà nella casa di Pasquano e seguirà il corteo funebre per il medico fino al cimitero monumentale di Scicli, dove il dottore verrà poi seppellito. La produzione, su richiesta dello stesso Zingaretti, ha deciso infatti di celebrare la morte del dottore e di non sostituirlo con un altro attore.

LEGGI ANCHE: Tutte le anticipazioni sulla nuova stagione del Commissario Montalbano

Montalbano 2019 | Cast

Di seguito, tutti gli attori che compongono il cast fisso de Il commissario Montalbano nei suoi due nuovi episodi:

  • Luca Zingaretti – Salvo Montalbano
  • Angelo Russo – Agatino Catarella
  • Cesare Bocci – Domenico (Mimì) Augello
  • Peppino Mazzotta – Giuseppe Fazio
  • Sonia Bergamasco – Livia Burlando

Ci sono però anche molti attori che compaiono soltanto nei singoli episodi (qui il cast completo delle due nuove puntate di Montalbano).

Montalbano 2019 | Luca Zingaretti

Luca Zingaretti è fin dalla prima puntata il volto del commissario Montalbano. L’attore, che ha recitato in tutti i 34 film della fiction, è nato l’11 novembre 1961 a Roma. Ciò che stupisce, infatti, è che l’interprete del commissario più famoso della tv non sia siciliano.

Negli anni, dunque, Zingaretti ha dovuto lavorare molto sulla “dizione” sicula. Nel 2006, poi, l’attore aveva manifestato l’intenzione di lasciare la serie. Il suo timore era quello di identificare troppo la sua figura di attore con il personaggio di Camilleri. Zingaretti però è poi tornato sui suoi passi, riuscendo a portare avanti anche diverse altre interpretazioni, sia in tv che al cinema.

LEGGI ANCHE: La carriera di Luca Zingaretti

Montalbano 2019 | Michele Riondino

Dal 2012 al 2015, parallelamente al Commissario Montalbano, Rai 1 ha prodotto anche un prequel della fiction, “Il giovane Montalbano”. In questo caso, per forza di cose, a interpretare il giovane commissario non è stato Luca Zingaretti, ma Michele Riondino. L’attore, nato a Taranto il 14 marzo 1979, ha impersonato Salvo Montalbano nei suoi primi anni alla guida del commissariato di Licata.

Nel corso della sua carriera, Riondino ha avuto molti ruoli a teatro, al cinema e in televisione. Nel 2018 ha condotto le serate di apertura e chiusura della 75esima Mostra del Cinema di Venezia.

Montalbano 2019 | Diretta tv e Streaming

I nuovi episodi del Commissario Montalbano vengono trasmessi in chiaro, completamente gratis, su Rai 1, al canale 1 o 501 (in HD). Chiunque voglia seguire la serie, dunque, dovrà sintonizzarsi sul primo canale nazionale lunedì 11 e 18 febbraio, in prima serata.

LEGGI ANCHE: Dove vedere Il Commissario Montalbano in streaming

La fiction è disponibile anche in streaming, gratis, sulla piattaforma streaming RaiPlay. Per accedere, basta collegarsi sul sito internet di RaiPlay o sull’omonima app, disponibile sia per Android che per iOS.

Sempre su RaiPlay sarà possibile, dal giorno dopo la messa in onda, rivedere l’intera puntata on demand in qualsiasi momento.

Montalbano 2019 | Curiosità

Il nome di Montalbano è un omaggio di Andrea Camilleri allo scrittore spagnolo Manuel Vázquez Montalbán, dalla cui penna è uscito un altro famoso investigatore, Pepe Carvalho.

Montalbano e Pepe Carvalho hanno molte cose in comune: l’amore per la buona cucina e le buone letture, i modi piuttosto sbrigativi e non convenzionali nel risolvere i casi e una storia d’amore controversa e complicata.

Secondo quanto emerso dai romanzi, il commissario Montalbano è nato a Catania il 6 settembre 1950 e prima di avviare la sua carriera in polizia si è laureato in giurisprudenza.

Personaggi importanti della serie, oltre al commissario, sono la cameriera Adelina Cirrinciò, una persona abbastanza scorbutica ma molto fedele, i cui figli vengono spesso arrestati proprio da Montalbano. Adelina, ottima cuoca, non va per niente d’accordo con Livia, la compagna del commissario.

Tra i collaboratori di Montalbano, spiccano il suo vice Domenico Augello, che Montalbano chiama Mimì; l’ottimo ispettore Giuseppe Fazio e l’agente Agatino Catarella, simpatico centralinista bravissimo a maneggiare il pc.

Un luogo ricorrente della serie è il ristorante San Calogero, dove il commissario pranza abitualmente facendosi servire abbondanti piatti di pesce fresco.