Aspettando le parole, su Rai 3 Gramellini intervista il ministro Dario Franceschini

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 18 Apr. 2020 alle 17:00
0
Immagine di copertina

Aspettando le parole, su Rai 3 Gramellini intervista il ministro Dario Franceschini

Questa sera, sabato 18 aprile 2020, alle 20.30 su Rai 3 torna Aspettando le parole, con le storie e le interviste di Massimo Gramellini. Il giornalista è infatti alla guida di questo programma in cui vengono raccontate storie di attualità e affrontati vari temi all’ordine del giorno con tanti protagonisti. In questa nuova puntata, che va in onda mentre arrivano segnali positivi per quanto riguarda l’emergenza Coronavirus, tanti nuovi ospiti e un’intervista di primo piano: quella al ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini.

Anticipazioni e ospiti di stasera

Come anticipato, l’intervista in anteprima sarà quella a Dario Franceschini, con Gramellini che parlerà con il ministro della ripresa delle attività culturali dopo l’emergenza Covid-19. A seguire tanti collegamenti con diversi ospiti, tra cui Antonio Albanese, protagonista della seconda stagione de I Topi su Rai 3, e Roberto Vecchioni, con il quale il giornalista affronterà il tema della cultura e della scuola ai tempi del Coronavirus. In collegamento anche Lino Guanciale, che proverà ad immaginare un’estate “sotto plexiglass”, l’astronauta Paolo Nespoli che spiegherà gli spetti psicologici della quarantena, la tuffatrice Tania Cagnotto che racconterà i suoi allenamenti casalinghi in vista delle Olimpiadi di Tokyo e il rapper Frankie hi-nrg mc, che proporrà un inedito arrangiamento rap di una ipotetica fiaba di Gianni Rodari dedicata alla quarantena.

Immancabili poi tante straordinarie storie di vita quotidiana che hanno come protagonisti cittadini comuni che, nell’emergenza, hanno saputo distinguersi per capacità, generosità o professionalità. In apertura e in chiusura la “Dedica” e la “Buonasera”, i due monologhi di Massimo Gramellini ispirati da fatti di cronaca.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.