Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Simona Ventura accusata di evasione fiscale: deve 500 mila euro

Di Marco Nepi
Pubblicato il 18 Gen. 2020 alle 13:12 Aggiornato il 18 Gen. 2020 alle 13:15
113
Immagine di copertina

Simona Ventura accusata di evasione fiscale: deve 500 mila euro

Dopo Cristina Chiabotto, anche Simona Ventura è stata accusata di evasione fiscale. Il pm di Milano, Silvia Bonardi, ha fatto presente che la conduttrice ha “smesso di pagare il debito tributario e ha perso il beneficio della rateizzazione”, depositando  una nota dell’Agenzia delle Entrate dello scorso ottobre.

La Ventura è accusata di evasione fiscale per un importo pari a 500 mila euro, nel periodo che va dal 2012 al 2015: il capo d’imputazione è “dichiarazione infedele dei redditi”.

La prossima udienza in tribunale è fissata per il 18 marzo 2020 e, in tale occasione, si farà avanti una collaboratrice della Ventura, una testimonianza richiesta dall’accusa e accordata dal giudice.

Simona Ventura e l’evasione fiscale: cos’è successo

Secondo un commercialista, consulente della difesa, la Ventura “non è stata in grado di andare avanti con il pagamento”, replicando agli avvocati della conduttrice (Jacopo Pensa e Federico Papa).

Secondo l’inchiesta della Guardia di Finanza e della pm, Simona Ventura avrebbe fatto confluire parte dei suoi proventi e addebitato parte dei suoi costi a una società a lei riconducibile, la Ventidue srl.

Pare che tale società – che secondo l’accusa non è operativa – abbia costi personali tra cui parrucchieri, biglietti aerei, fiori, make up per avere agevolazioni sulle tasse. Ma al centro dell’indagine ci sarebbero compensi relativi ad alcuni contratti, siglati con emittenti televisive, sullo sfruttamento dei diritti di immagine per la sua attività professionale.

La Ventura potrebbe rilasciare delle dichiarazioni spontanee e il 13 maggio invece è prevista la discussione delle parti.

113
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.