Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

Piero Angela: “Non ho mai detto ‘ti amo’ a mia moglie, eppure è più di metà del mio successo”

Immagine di copertina
Crediti: Ansa

La confessione di Piero Angela: “Metà del mio successo lo devo a mia moglie, ma non le ho mai detto ti amo”

Piero Angela si racconta tra le pagine del settimanale Oggi e dedica un pensiero alla moglie, Margherita Pastore, alla quale deve metà del suo successo. “Mia moglie mi ha aiutato molto. È più di metà del mio successo. Ha rinunciato alla carriera e portato pazienza per le mie assenze. Mi ha seguito in tutte le mie peregrinazioni. Ha tirato su due figli magnifici”, ha spiegato il divulgatore, volto molto caro al pubblico della Rai, che si è concesso un’intervista con il settimanale Oggi, in uscita il 9 luglio.

Prima di sposarsi, Margherita Pastore era una ballerina alla Scala di Milano, un lavoro che ha poi messo da parte. Le nozze sono arrivate nel 1955, ma il divulgatore ha confessato di non aver mai detto “ti amo” a sua moglie, affrettandosi poi a spiegare il perché: “Sono piemontese, anche se levigato da anni all’estero e a Roma. Nel nostro dialetto non esiste il verbo ‘amare’: usiamo il più contegnoso vorej bin, voler bene. E non esiste neppure la parola bacio: diciamo basin, bacino. Se vale, se questo mi ‘salva’, le ho detto tante volte: T’veuj bin, ti voglio bene”.

Il loro è stato un vero e proprio colpo di fulmine. “È stata la prima volta che ho avuto la scossa elettromagnetica”, ha dichiarato Piero Angela, raccontando di sua moglie, molto riservata, che ha lasciato la sua professione (nonostante il futuro radioso da étoile della danza) per stare al suo fianco a Parigi, dove hanno vissuto quando Angela ha iniziato a fare il giornalista.

Seppur della sua vita privata parli molto poco, Piero Angela è pronto a ripartire con Superquark il 15 luglio. Tornando indietro nel tempo, il divulgatore ha poi aggiunto: “Andavo in onda dopo “Dallas” e dovevo evitare che gli ascolti scendessero di uno “scalino”, trattenere gli spettatori su Rai 1. Bisognava “fidelizzarli” e allora forgiai il mio arsenale: varietà di argomenti per catturare un pubblico vasto, ritmo vivace come antidoto alla noia, esposizione limpida”.

Leggi anche:

1. Coronavirus, Piero Angela: “In Italia non c’è controllo sociale, chi trasgredisce non viene richiamato” | VIDEO / 2. Piero Angela: “Mia moglie ha rinunciato alla sua carriera per seguirmi. Senza di lei non avrei fatto nulla”

Ti potrebbe interessare
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: gli ospiti (cast) dello show con Amadeus
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: la scaletta della prima serata
TV / Arena Suzuki ‘60, ’70, ’80: quante puntate, durata e quando finisce
Ti potrebbe interessare
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: gli ospiti (cast) dello show con Amadeus
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: la scaletta della prima serata
TV / Arena Suzuki ‘60, ’70, ’80: quante puntate, durata e quando finisce
TV / Un fantastico via vai: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Space Jam: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Tu si que vales 2021, le anticipazioni della puntata di oggi
TV / A che ora inizia Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: l’orario della messa in onda su Rai 1
TV / Tu si que vales 2021 streaming e diretta tv: dove vedere la puntata di oggi
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80 streaming e diretta tv: dove vedere la prima puntata
TV / Arena Suzuki ’60, ’70, ’80: tutto quello che c’è da sapere sullo show di Rai 1