Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

Britney Spears sta male: “Il movimento che la vorrebbe libera potrebbe portarla alla morte”

Immagine di copertina

Britney Spears sta male: “Il movimento che la vorrebbe libera potrebbe portarla alla morte”

Di recente è stato lanciato il movimento #FreeBritney, il cui scopo è aiutare Britney Spears a prendere le distanze dal padre: sarebbe l’uomo infatti ad avere il totale controllo della sua vita, non soltanto circa i suoi problemi di salute, ma anche la sola gestione dei social. La popstar è in cura da tempo a causa di alcune patologie psichiche, i continui crolli nervosi l’hanno allontanata sempre più dalla propria vita e dalla carriera e pare che sia il padre, Jamie, ad occuparsi di tutto.

Ma Britney sta male, i medicinali assunti dalla popstar hanno smesso di funzionare. Come riporta una fonte vicina alla cantante: “La verità è che Britney sta soffrendo. I suoi medicinali hanno smesso di funzionare e i dottori hanno problemi a trovare la giusta combinazione. Fonti con conoscenza diretta ci hanno riferito che non è facile gestirla. A volte si lamenta e vorrebbe più libertà. Purtroppo la verità è che non riesce a stabilizzare la sua malattia mentale. Ci sono tantissimi effetti collaterali che la stanno danneggiando, Kevin Federline ha avuto l’affidamento dei due bambini per molto più tempo rispetto a Britney ed era tutto correlato al suo stato mentale”.

Crediti: Instagram

Ma i fan la vogliono libera, anche per questo è stato lanciato l’appello social che risponde all’hashtag #FreeBritney, a cui si è unito anche Chiara Ferragni. Eppure, sempre come riportato da TMZ, pare che quel movimento così solidale in realtà sia dannoso per la sua salute. “La tutela legale è oramai attiva da quasi 12 anni, un tempo davvero inusuale per questo tipo di cose, ma questa volta è differente. Per molti questa tutela dovrà continuare per anni, forse per tutta la vita. Ci sono tante persone coinvolte, dottori, legali, terapisti ed un giudice. Non ci sono vie d’uscita per questo, nemmeno se lo volesse il padre Jamie, senza l’approvazione del giudice. Le persone che gridano alla fine della tutela, per liberare Britney, non sanno cosa dicono. Questo potrebbe danneggiarla, e potrebbe addirittura portare Britney ad un suicidio o alla morte, vista la sua fragilità mentale”.

Leggi anche:

1. “Britney Spears è in una clinica psichiatrica, la famiglia la manipola e la tiene in ostaggio” / 2. “Britney Spears chiede aiuto con dei messaggi in codice”: il mistero sul post con la maglietta gialla / 3. “Liberate Britney Spears da suo padre”: anche Chiara Ferragni si unisce all’appello virale

Ti potrebbe interessare
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Ti potrebbe interessare
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”
Musica / “Promuovi La Tua Musica”, il 12 settembre a Roma la prima tappa del contest
Musica / Justin Bieber scrive a Simone Biles: “So cosa significa guadagnare il mondo ma perdere la propria anima”
Musica / Rovazzi ha perso il tocco magico
Musica / I Maneskin sono primi al mondo su Spotify: su Instagram le loro foto da bambini
Musica / Antonello Venditti: “Io, bullizzato fino ai 16 anni, ho pensato al suicidio. Il ddl Zan ce l’ho dentro”