Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

M5S critica la fiction ‘La compagnia del cigno’: “Rappresentazione distorta delle istituzioni musicali italiane”

Immagine di copertina

I parlamentari pentastellati della Commissione cultura ritengono che la serie sia "fondata su stereotipi del tutto irreali della vita interna ai conservatori"

La compagnia del cigno M5S

La fiction di successo “La compagnia del cigno“, andata in onda sulla Rai, è finita sotto attacco nelle dichiarazioni di alcuni deputati e senatori della Commissione Cultura del Movimento Cinque Stelle, che parlano di una “rappresentazione distorta delle istituzioni musicali italiane”.

“Abbiamo ricevuto numerose segnalazioni dal mondo della formazione musicale in merito alla fiction in dodici puntate “La compagnia del cigno”, scritta e diretta da Ivan Cotroneo e prodotta da Indigo Film in collaborazione con Rai Fiction”, si legge nella nota dei deputati Alessandra Carbonaro, Michele Nitti e Daniela Torto e le senatrici Michela Montevecchi e Loredana Russo, portavoce del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura.

“La rappresentazione distorta offerta dal programma tv, fondata su stereotipi del tutto irreali della vita interna ai conservatori, a maggior ragione vista la forte accoglienza positiva del pubblico, rischia di creare un pregiudizio rispetto a questo ambito formativo centrale per la cultura italiana”.

“La fiction – proseguono i parlamentari – ha scatenato durissime reazioni da parte dei Conservatori statali di musica “Cesare Pollini” di Padova, “Giuseppe Verdi” di Torino, di alcuni docenti del Conservatorio “Piccinni” di Bari, e numerosi altri docenti sottoscrittori di una petizione on-line. Comprendiamo le preoccupazioni di queste Istituzioni e di quanti lamentano le ricadute che un messaggio culturale deformante, stereotipato ed estraneo alla prassi dell’insegnamento potrebbe ingenerare nei cittadini ed in particolare nei più giovani”.

“La veicolazione di un’immagine distorsiva di modelli educativi e formativi non conformi alla realtà, sebbene si tratti “semplicemente” di una fiction, risulta in palese contrasto con l’intento di valorizzazione delle istituzioni musicali italiane e rischia di creare sfiducia nei loro confronti ledendone la reputazione e la credibilità. Auspichiamo che, in futuro, in particolare il servizio pubblico realizzi maggiori approfondimenti volti ad una reale e più opportuna valorizzazione di queste importanti istituzioni di formazione musicale italiane” concludono i portavoce del Movimento 5 Stelle.

La fiction “La compagnia del cigno“, del regista Ivan Cotroneo, racconta la storia di sette ragazzi che frequentano il conservatorio Giuseppe Verdi di Milano (luogo in cui, dagli inizi dell’Ottocento, hanno studiato alcune delle figure più note del panorama artistico italiano, da Amilcare Ponchielli fino a Enzo Jannacci) in 12 episodi.

Gli spettatori dunque assistono al percorso che porta questi ragazzi a formare un’orchestra che si ispira proprio al famoso musicista italiano che dà il nome alla loro scuola. A guidarli, i loro sapienti insegnanti (qui maggiori informazioni sulla trama).

Il cast della fiction comprende, tra gli altri, Anna Valle e Alessio Boni e diversi altri grandi attori come Giovanna Mezzogiorno e Alessandro Roja (qui il cast completo).

> QUI TUTTE LE FICTION RAI PER LA STAGIONE 2018 2019

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI