Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

La Casa di Carta, TPI intervista Itziar Ituno: “Criticano la serie perché dà potere alle donne. Il capitalismo è la causa dei disastri ambientali”

Parla l'attrice (e cantante) che interpreta la poliziotta Raquel Murillo della serie Netflix che ha sbancato a livello mondiale: "La Casa di Carta non è perfetta, ma rompe gli schemi. Nella mia famiglia mi hanno insegnato a lavorare e a superarmi sempre per non dipendere economicamente da nessuno. Il riscaldamento globale è conseguenza di una economia di predatori"

Di Carlotta Casolaro
Pubblicato il 17 Gen. 2020 alle 12:07 Aggiornato il 17 Gen. 2020 alle 14:22
0
Immagine di copertina
Itziar Ituno è un'attrice e cantante spagnola

La Casa di Carta, Itziar Ituno: “Potere alle donne, il capitalismo fa disastri”

“Viviamo in un mondo in cui gli esempi di bellezza non rappresentano la realtà, ma una società stereotipata. Noi donne dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere, prendendoci più cura di noi stesse”. Così Itziar Ituno, l’ormai celebre ispettore Raquel Murillo ne La Casa di Carta, si schiera a favore di un mondo più libero e meno condizionato dagli stereotipi che, da sempre, limitano le donne in ogni campo della vita.

Itziar Ituno nasce a Basauri, nei Paesi Baschi, e, già nel 2014, comincia a recitare nel film Loreak, fra i cinque selezionati per rappresentare la Spagna agli Oscar di quell’anno. Ma è dal 2017, con La Casa di Carta, che raggiunge la fama internazionale interpretando l’ispettore Raquel Murillo.

TPI l’ha intervistata.

Come ci si sente ad essere uno dei personaggi principali della serie tv spagnola più vista al mondo?

La verità è che è una sorpresa, perché quando una persona sceglie un lavoro non pensa mai dove arriverà, generalmente il successo arriva senza che qualcuno se lo aspetti davvero. La serie inizialmente era stata trasmessa su una rete più piccola e l’ultima cosa che ci aspettavamo era che, dopo Netflix, potessimo arrivare ad una fama internazionale.

Itziar, lei non limita il suo lavoro alla recitazione, ma lo estende anche alla musica. Si può dire che abbia molte passioni. Al giorno d’oggi, tuttavia, molte donne vengono considerate “arrivate” per merito di un uomo o di una strada più facile. Lei come risponde a questi luoghi comuni?

Io non ho mai visto il mondo in questo modo. A casa mia mi hanno insegnato a lavorare e a superarmi sempre, di modo che non dipendessi economicamente da nessuno. Quello che vedo intorno è un mondo che va sempre nella direzione di donne che economicamente e personalmente sono meno dipendenti da un uomo, nonché realizzate a livello lavorativo. Purtroppo, tuttavia, rimangono quelle donne che non seguono i loro sogni e che dipendono dai loro uomini. Non le critico per questo, ci sono alcune che lo fanno per scelta e altre per dovere. Alla fine ognuno fa ciò che vuole.

La Casa di Carta è molto amata ma anche molto criticata. Come ha preso le critiche verso la serie tv?

Considero la critica una cosa positiva, perché c’è davvero bisogno del pensiero critico in questo mondo. Ad esempio, ne La Casa di Carta la banda di ladri – che di solito dovrebbe essere il gruppo dei “cattivi” – rappresenta i buoni, i “giustizieri”. Questo, in un certo senso, va contro la morale alla quale siamo abituati. Tuttavia, c’è da dire che La Casa di Carta ha ricevuto delle critiche perché le donne hanno “troppo” peso. Basti ricordare il momento in cui, all’interno della Zecca di Spagna, si mostra il matriarcato con Tokyo che assume le redini della situazione a sfavore di Berlino. Comunque sia, io credo che niente di quello che si fa è perfetto, ma questa serie è un punto di riferimento a livello mondiale. Non è una serie normale o classica, ma rompe gli schemi.

Quanto è stata dura per lei superare i pregiudizi di genere e arrivare dov’è ora, vincitrice di un International Emmy Awards?

Io, personalmente, non mi posso lamentare per il trattamento che mi hanno riservato sia in teatro – da molto giovane – sia nelle varie serie tv. Ma so anche che ci sono tante altre attrici molto valide che, per via dell’età o per l’aspetto fisico, non hanno avuto le stesse opportunità. Questo perché purtroppo esistono degli stereotipi di bellezza che non concordano con la vita reale. In realtà, credo che le donne debbano prendersi più cura di se stesse, senza pensare necessariamente ad omologarsi.

Cosa ritiene di avere in comune Itziar Ituno con Raquel Murillo?

Io sono attrice e non poliziotta, non ho mai lavorato in un posto in cui quasi tutti sono uomini, ma posso capire che Raquel senta il bisogno di difendere il suo spazio e la sua autorità. Mi identifico con Raquel Murillo anche perché si prende cura degli altri, della mamma, della figlia, insomma di tutto il mondo. Lei sa negoziare senza usare la violenza, cerca sempre di negoziare senza che ci siano vittime. Ho molta stima di lei come donna.

Itziar, lei si interessa anche molto d’ambiente. Cosa pensa di tutto quello che sta succedendo ultimamente in Australia?

Ho pubblicato di recente su Instagram un post chiarificatore. Io penso che gli incendi siano una conseguenza del capitalismo. È vero che queste problematiche c’erano anche prima, ma negli ultimi anni è peggiorata la situazione. Questo risponde anche al discorso del riscaldamento globale come conseguenza di una politica ed una economia di predatori del nostro pianeta. Non si potrà cambiare mai nulla se non cambiamo il modo di approcciarci a noi stessi e di conseguenza al mondo. Comunque, c’è da dire che si si sta cominciando a prendere coscienza collettiva dei disastri ambientali e mi fa molto piacere vedere tutti questi ragazzi e bambini che si danno da fare, per protestare in favore dell’ambiente.

Leggi anche:

“Herzog incontra Gorbaciov”: in anteprima la clip del nuovo documentario del regista cult

Marco D’Amore a TPI: “Vi racconto il mio film su Ciro. Nella stagione 5 di Gomorra grandissime sorprese “

ESCLUSIVO, Il Re Leone: Elton John a TPI: “Simba ci insegna che non è mai tardi per cambiare”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.