Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

“Un inviato del programma di Rete4 pagò un attore per fingersi un musulmano che se ne frega dei cristiani uccisi”

Secondo l’inchiesta di Striscia un inviato di due trasmissioni di Del Debbio avrebbe pagato una persona che in almeno due occasioni ha testimoniato il falso. I fatti risalgono al 2015

Di Marco Nepi
Pubblicato il 20 Gen. 2020 alle 18:53
1.2k
Immagine di copertina

Attori pagati dagli inviati delle trasmissioni di Paolo del Debbio “Quinta colonna” e “Dalla Vostra Parte” per testimoniare il falso.

A portare a galla la verità è stata Striscia La Notizia in un’inchiesta del 2015 e poi ripresa con aggiornamenti. La notizia è stata data anche da Bufale.net.

Secondo l’inchiesta di Striscia un inviato di Del Debbio avrebbe pagato una persona che in un caso si era presentata come un rom particolarmente avvezzo alle truffe con furto di automobili e nel secondo caso, invece, come un musulmano a favore dei terroristi.

La notizia, specifichiamo, risale al 2015 e oggi ha avuto ulteriori evoluzioni.

Come si spiega nella puntata di Striscia la notizia, ripresa dal quotidiano IsNews, attori e persone comuni sarebbero state convinte dietro retribuzione a rispondere strumentalmente alle domande. I servizi così artefatti sono poi andati in onda nei programmi di Paolo Del Debbio ‘Quinta Colonna’ e ‘Dalla Vostra parte’.

Un attore avrebbe interpretato diversi ruoli: un rom truffatore e venditore di auto rubate e un musulmano che dava il suo plauso allo sterminio dei cristiani.

In entrambe le interviste andate in onda sui programmi condotti da Paolo Del Debbio la persona si presentava mascherata, ma un servizio andato in onda su Striscia La Notizia con l’inviato Moreno Morello aveva raccolto la testimonianza di quella stessa persona, che aveva affermato.

Paolo Del Debbio lascia Dritto e rovescio a metà puntata: “Non riesco a stare in piedi”

1.2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.