Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

Il Conservatorio di Padova contro La compagnia del cigno: “Non si devono spendere soldi pubblici per diffondere stereotipi”

Immagine di copertina

Sorprendente il successo in termini di ascolti per La Compagnia del Cigno, la mini serie di Ivan Cotroneo in onda su Rai 1 da lunedì 7 gennaio 2019.

Le prime puntate, infatti, sono state ampiamente seguite e hanno decisamente conquistato il pubblico di telespettatori. A non pensarla, però, nella stessa maniera è il Conservatorio di Padova, il quale si è duramente scagliato contro la fiction televisiva che nella serata di martedì 8 gennaio ha “affondato” il colossal Titanic e totalizzato ben 6 milioni di spettatori.

L’accusa del Conservatorio padovano rivolta proprio alla Rai è quella di “spendere soldi pubblici per diffondere stereotipi”.  L’istituto ha addirittura scritto un post Facebook in cui “prende opportunamente distanza da La Compagnia del Cigno trasmesso dalla Radio Televisione Italiana a partire dal 7 gennaio 2019″.

La serie Rai , ambientata nel Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, è inoltre accusata di essere solo “una mediocre parodia” o una “caricatura” della realtà, un qualcosa, insomma, per cui non – secondo l’avviso del Conservatorio di Padova – valeva la pena spendere i soldi dei contribuenti.

“Si tratta di una mediocre parodia, di una caricatura di ciò che è la reale vita degli studenti e dei docenti nei Conservatori di Musica. Si ritiene, inoltre, che il Servizio Pubblico non dovrebbe spendere soldi pubblici per diffondere false credenze, autentiche contraffazioni della realtà, stereotipi del tutto irreali riguardanti le figure degli studenti e dei docenti di musica”, è infatti l’attacco del Conservatorio. “Il denaro pubblico – prosegue il post pubblicato sulla pagina dell’istituto – utilizzato per produrre e trasmettere un telefilm così completamente inadeguato sarebbe stato meglio impiegato per mettere in sicurezza le numerosissime sedi fuori norma, se non pericolanti, dei Conservatori del nostro Paese”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI