Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » Cinema

Pretty Woman non doveva avere un happy ending, il finale alternativo confermato da Julia Roberts

Immagine di copertina

PRETTY WOMAN FINALE ALTERNATIVO – Non era previsto un lieto fine per Julia Roberts in Pretty Woman e a confessarlo è stata proprio lei.

In un’intervista al magazine americano Variety, l’attrice premio Oscar ha confermato quello che in parte già sapevamo: per Vivian non era contemplato alcun happy ending nella prima bozza di Pretty Woman.

La commedia romantica che ha fatto sognare ragazze di tante generazioni sparse in tutto il mondo era nata con un altro obiettivo: non essere una commedia romantica.

Julia Roberts, la cui parte da protagonista era stata contesa con l’attrice Patricia Arquette (Boyhood), avrebbe visto la sua Vivian con il cuore in pezzi nella versione pre-Disney.

Secondo la Arquette, il film avrebbe avuto il titolo “3000”, un chiaro riferimento al compenso della protagonista per le sue prestazioni. E il finale? “Lui la scaraventava via dalla macchina, le lanciava addosso i suoi soldi e se ne andava, abbandonandola in un vicolo sporco”, una versione del copione confermata dalla stessa Julia Roberts: “Il finale doveva essere triste e vero, con me che tornavo alla mia vita di sempre”.

Il film cult degli anni ’90 è stato salvato in calcio d’angolo perché la prima versione del film decadde in seguito al fallimento della casa di produzione che aveva ordinato la pellicola.

Uno dei produttori riuscì a vendere comunque la sceneggiatura alla Disney, che però prese un’altra direzione. Inizialmente, qualcuno pensò che la celebre casa di produzione americana potesse trasformare la pellicola in un film d’animazione e invece il risultato fu un altro: da lì nacque una vera e propria fiaba moderna, ma con attori in carne ed ossa.

“Per fortuna salì a bordo Garry Marshall, che è un essere umano meraviglioso e pensò che fosse giusto contattarmi visto che avevo ottenuto io la parte della protagonista. Da lì cambiò tutto, 3000 si trasformò in Pretty Woman, un film molto più vicino ai miei gusti. Se fosse rimasto come nella versione originale non l’avrei mai fatto: non avrei potuto allora e non potrei adesso”, ha confessato Julia Roberts a Variety.

La Disney è stata il cavaliere in sella al cavallo bianco che ha salvato Pretty Woman da uno spietato finale drammatico e l’ha resa la commedia rosa che oggi tutti amiamo.

Ti potrebbe interessare
Cinema / Food for profit: un documentario racconta i legami tra industria della carne, lobby e politica
Cinema / Morto Luis Molteni: l’attore era considerato il Danny DeVito italiano
Cinema / Torna “Moviemov”, il cinema italiano alla conquista di Bangkok
Ti potrebbe interessare
Cinema / Food for profit: un documentario racconta i legami tra industria della carne, lobby e politica
Cinema / Morto Luis Molteni: l’attore era considerato il Danny DeVito italiano
Cinema / Torna “Moviemov”, il cinema italiano alla conquista di Bangkok
Cinema / Mary Poppins non è più un film per tutti. In Gran Bretagna vietato ai minori di 12 anni per “linguaggio discriminatorio”
Cinema / Ghost Detainee – Il caso Abu Omar: in esclusiva su TPI una clip del docufilm nelle sale dal 5 febbraio
Cinema / È morta Sandra Milo, l’attrice e conduttrice aveva 90 anni
Cinema / Lady Gaga vuole acquistare i diritti di “C’è ancora domani” di Paola Cortellesi per farne un remake Usa
Cinema / Oscar, la rabbia di Ryan Gosling per la mancata nomination di Margot Robbie: “Dire che sono deluso è un eufemismo”
Cinema / È morto Gary Graham, attore di “Star Trek” e “Alien Nation”: aveva 73 anni
Cinema / “Io capitano” di Matteo Garrone entra fra i 5 candidati all’Oscar come miglior film straniero