Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » Cinema

Festival del Cinema di Venezia, Benedetta Argentieri a TPI: “Vi racconto il mio film sulle donne dell’Isis”

Immagine di copertina
Benedetta Argentieri, regista del documentario "The Matchmaker". Credit: ANSA/CLAUDIO ONORATI

“Sono state descritte solo come vittime. Ma spesso hanno giocato un ruolo di primo piano per il Califfato”: la regista del documentario “The Matchmaker”, tra i film Fuori Concorso della 79esima Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, racconta a TPI come è nato il progetto

Tooba Bashir Gondal ha 28 anni, due figli e tre ex mariti morti tra la Siria e lIraq, dove combattevano per il sedicente Stato Islamico, ma non è una vittima. Dopo aver trascorso quattro anni nelle terre occupate dallIsis, oggi è in carcere in Francia e da due anni in attesa di processo. È sospettata di aver reclutato online almeno una dozzina di combattenti per il gruppo terroristico e la sua storia è al centro del documentario The Matchmaker”, diretto da Benedetta Argentieri e tra i film Fuori Concorso della 79. Mostra dArte Cinematografica di Venezia. «Le donne dellIsis combattevano, Ak-47 in una mano e i figli nellaltra», ha raccontato ad Argentieri nel 2019 una comandante delle Unità di Difesa delle Donne curde (Ypj) a Baghouz, in Siria, dopo la liberazione dellultima roccaforte del sedicente Stato Islamico.

Il filo conduttore del lavoro della regista, non solo in questa pellicola, è il racconto dei diversi ruoli delle donne in guerra, di cui non sempre rimangono vittime, e il caso di Tooba è forse emblematico. «È un personaggio affascinante, con un lato molto dolce – soprattutto con i figli – e diverse facce, che è davvero abile a cambiare», ci racconta Argentieri, che ha intervistato Tooba in un campo di prigionia in Siria raccogliendo oltre sette ore di materiale video. «Come scriveva Hannah Arendt il male è banale, ma nessuno di noi è solo buono o solo cattivo».

La metamorfosi

Nata a Parigi nel 1994 in una famiglia di origine pakistana, a quattro anni Tooba si trasferisce nel Regno Unito. Qui i Gondal appartengono alla classe media e, parola di Tooba, dal punto di vista religioso sono «mediamente osservanti». È una famiglia integrata: i due fratelli maggiori, lei e la sorella minore studiano e hanno un permesso di residenza permanente in Gran Bretagna. Tooba si iscrive anche alluniversità dove segue i corsi di lingua e letteratura inglese ma a 21 anni abbandona gli studi per partire per la Siria, dove trascorrerà quasi quattro anni nelle terre occupate dallIsis. Non è una scelta presa dimpulso, due anni prima di lasciare il Regno Unito comincia a interessarsi alla religione, indossa per la prima volta lhijab. «Prima ero in cerca della felicità», ha raccontato Tooba ad Argentieri. «Ho provato di tutto: andare in discoteca, fumare, bere, avere un ragazzo, farmi un piercing o seguire la musica, ma non ero felice. Alla fine ho trovato la felicità, pregando».

In questo periodo trova anche qualcosaltro: comincia a seguire profili Twitter vicini allintegralismo ed entra in contatto con luomo che diventerà il suo primo marito e che la aiuterà a raggiungere la Siria. Nasce anche il suo alter ego sui social, dove in tre anni gestirà oltre 40 profili diversi, tutti riconducibili al nickname Umm Muthanna” (il cui significato, lei stessa non sa spiegare) che rilanciava la propaganda dellIsis ed esultava per gli attentati di Parigi.   «Allepoca dellintervista ancora non lo sapevo ma da quanto ho appreso, le autorità britanniche sospettano che sia coinvolta nel reclutamento di almeno una dozzina di persone», ci racconta Argentieri.

Unaccusa sempre respinta da Tooba, che allepoca dellintervista si presenta come Umm Ibrahim”, ossia la madre di Ibrahim, il suo primogenito. È una ragazza affettuosa, intelligente e disponibile che cerca di sfruttare il film per difendersi dai sospetti delle autorità di Regno Unito e Francia, dove sarà estradata nel 2020. «È una narrazione portata avanti da molte donne dellIsis», ci spiega la regista. «Si difendono sostenendo di non aver fatto niente: Ho solo seguito mio marito”, dicono. Una linea difensiva basata su una visione vittimistica adottata anche dai media mainstream. Conosco donne che sono state veramente vittime dellIsis e Tooba non è tra queste: lei ha fatto una scelta».

La sua vita nelle terre del sedicente Califfato lo testimonia: Gondal si è sposata tre volte in meno di quattro anni. Il primo marito, che lha aiutata ad arrivare in Siria, è morto sei mesi dopo le nozze in uno scontro armato. Il secondo, da cui ha avuto il suo primogenito Ibrahim e con cui ha divorziato, si è fatto esplodere in un attacco suicida a Mosul a un mese e mezzo dal matrimonio. Lultimo, il padre di sua figlia Asya, è invece rimasto ucciso in un raid aereo dopo appena dieci mesi che erano sposati.

Tra un matrimonio e laltro, Tooba ha goduto di una libertà inimmaginabile sotto lIsis: «Avevo una mia macchina, uscivo da sola e vivevo con i miei figli», ha raccontato ad Argentieri, che sottolinea il ruolo giocato da Gondal nellIsis. «Il suo primo marito era un emiro e il terzo non era certo lultimo arrivato visto che è stato ucciso da un drone e le ha lasciato anche tantissimi soldi», ci spiega la giornalista. «Tutto questo non si accompagna alla narrazione della donna oppressa, anzi mostra come in generale lo Stato Islamico sia molto diverso per esempio dai Talebani, che obbligano le donne a restare in casa e a non partecipare alle attività del gruppo. LIsis non era e non è così e credo che questo genere di politica sia stata adottata volutamente anche per attrarre il maggior numero di persone, soprattutto dallestero e di entrambi i sessi».

La resurrezione della Fenice

Argentieri parla al presente dellIsis perché, ci spiega, pur sconfitto ancora resiste soprattutto nei campi di prigionia. «Soltanto nel campo di al-Hawl, gestito dallAmministrazione autonoma della Siria settentrionale e orientale guidata dai curdi-siriani, ci sono 55mila familiari dellIsis, compresi 10mila tra donne e minori stranieri», sottolinea la regista. «Tantissimi stranieri, molti anche con cittadinanza di Paesi occidentali, non vengono rimpatriati, in primis perché gli Stati non sanno cosa farne». Lamministrazione curda e una proposta dellAssemblea parlamentare del Consiglio dEuropa promuovono listituzione di un tribunale internazionale. «Ma tale procedura presupporrebbe un riconoscimento formale del Rojava, a cui il regime siriano e i suoi alleati si oppongono», ci spiega Argentieri.

Eppure la presenza dellIsis in Siria si fa ancora sentire. Soltanto a fine agosto, le Forze democratiche siriane hanno fatto irruzione in vari campi di prigionia arrestando decine di persone, spesso donne, accusate di fare proselitismo e di atti di violenza contro chi non segue le regole del gruppo. «Nei campi si consumano molti omicidi, tanto che lallarme è stato lanciato persino dallOnu», rimarca la regista, secondo cui in questi luoghi non ci sono solo donne ma anche tante famiglie siriane e irachene sfollate dalle zone una volta occupate dallIsis. «Sappiamo di uomini usati per restare incinta e poi uccisi o di madri che ancora indottrinano i figli allideologia del Califfato». Altro, che vittime.

Ti potrebbe interessare
Cinema / Brad Pitt: "Non riconosco i volti delle persone, ma nessuno mi crede"
Cinema / Gabriele Muccino torna a parlare del fratello Silvio: "Non voglio più vederlo"
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cinema / Brad Pitt: "Non riconosco i volti delle persone, ma nessuno mi crede"
Cinema / Gabriele Muccino torna a parlare del fratello Silvio: "Non voglio più vederlo"
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Cinema / Festival di Cannes, il film d’apertura toglie la “Z” dal titolo dopo le proteste ucraine
Cinema / Sundown, in esclusiva su TPI una clip del film di Michel Franco
Cinema / "La polizia era pronta ad arrestare Will Smith": la rivelazione del produttore della notte degli Oscar
Cinema / “Sono disgustato”: la durissima reazione di Jim Carrey allo schiaffo di Will Smith
Cinema / “Sono fiera di come sia fatto mio figlio”: la madre di Will Smith commenta lo schiaffo agli Oscar
Cinema / “È una vita che lotto per non sentirmi un codardo”: cosa si nasconde dietro lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock
Cinema / Le prime parole di Jada Pinkett dopo lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock