Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » Cinema

Amanda Knox contro Matt Damon: “Nel film Stillwater si lascia intendere che io sia un’assassina”

Immagine di copertina
Amanda Knox e Matt Damon

Amanda Knox si scaglia contro l’attore Matt Damon e il regista Tom McCarthy per il film La ragazza di Stillwater, la cui trama ricorda per certi aspetti il caso dell’omicidio di Meredith Kercher, avvenuto a Perugia nel 2007 e per il quale Knox fu dapprima condannata e poi assolta definitivamente in Cassazione.

Secondo la donna, oggi 34enne, la pellicola lascia intendere che lei sia colpevole. “Il mio nome appartiene a me? E il mio volto? La mia storia? Continuo a tornare a queste domande perché altri continuano ad approfittare del mio nome, del mio volto e della mia storia senza il mio consenso”, ha scritto Knox su Twitter commentando il film.

E ancora: “Rendendo finzione la mia innocenza e la mia totale mancanza di coinvolgimento, cancellando il ruolo delle autorità nella mia condanna ingiusta, McCarthy rafforza l’immagine di me come persona colpevole e inaffidabile”.

Il regista e Matt Damon, prosegue la donna, “trarranno sicuramente profitto da questa finzione sulla ‘saga di Amanda Knox’ che sicuramente lascerà molti spettatori a chiedersi: ‘Forse la vita reale Amanda è stata coinvolta in qualche modo'”.

Presentato all’ultimo Festival di Cannes e in uscita in Italia a settembre 2021, La ragazza di Stillwater racconta la storia di un americano, interpretato da Matt Damon, che va in Francia per aiutare a scagionare sua figlia, arrestata per un omicidio che sostiene di non aver commesso.

“Non mi è stato consentito di tornare all’anonimato che avevo prima di Perugia. La mia unica opzione è quella di sedermi mentre gli altri continuano a distorcere la mia immagine o combattere per ripristinare la mia reputazione ingiustamente distrutta”, attacca la donna.

Amanda Knox ha riferito che né McCarthy né Matt Damon non hanno mai tentato di parlarle durante la produzione del film.

“L’attenzione errata su di me delle autorità italiane ha portato a un’attenzione errata su di me da parte della stampa”, osserva la donna. “In carcere non avevo il controllo della mia immagine pubblica. Mi piacerebbe che agli eventi di Perugia ci si riferisse come ‘L’uccisione di Meredith Kercher di Rudy Guede’, il che mi collocherebbe come la figura periferica che avrei dovuto essere, la compagna di stanza innocente”.

LEGGI ANCHE: “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche

Ti potrebbe interessare
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Cinema / Festival di Cannes, il film d’apertura toglie la “Z” dal titolo dopo le proteste ucraine
Cinema / Sundown, in esclusiva su TPI una clip del film di Michel Franco
Ti potrebbe interessare
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Cinema / Festival di Cannes, il film d’apertura toglie la “Z” dal titolo dopo le proteste ucraine
Cinema / Sundown, in esclusiva su TPI una clip del film di Michel Franco
Cinema / "La polizia era pronta ad arrestare Will Smith": la rivelazione del produttore della notte degli Oscar
Cinema / “Sono disgustato”: la durissima reazione di Jim Carrey allo schiaffo di Will Smith
Cinema / “Sono fiera di come sia fatto mio figlio”: la madre di Will Smith commenta lo schiaffo agli Oscar
Cinema / “È una vita che lotto per non sentirmi un codardo”: cosa si nasconde dietro lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock
Cinema / Le prime parole di Jada Pinkett dopo lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock
Cinema / Lunana: in anteprima su TPI una clip del film candidato agli Oscar in uscita il 31 marzo
Cinema / “Will Smith è malato di mente”: la pesantissima accusa nei confronti dell’attore dopo lo schiaffo agli Oscar