Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli

A viso aperto, il documentario che ripercorre l’emergenza Covid-19 in Lombardia

 

A viso aperto, il documentario che ripercorre l’emergenza Covid-19 in Lombardia

Il regista Ambrogio Crespi ripercorre l’emergenza sanitaria che ha coinvolto tantissime città della Lombardia, tramite le voci di chi quell’inferno l’ha vissuto sulla propria pelle, con un documentario intitolato “A viso aperto”. Il documentario inizia con una lettera di Stefania Mattioli, responsabile della comunicazione dell’Ospedale di Cremona. La voce narrante ci accompagna per le strade vuote della città, dove regna incontrastato il silenzio. “All’inizio erano solo le sirene e la paura a ferire il silenzio, poteva anche sembrare uno scenario di una grande guerra, ma nella guerra non c’è un silenzio sempre uguale di giorno e di notte”, spiega la narratrice. “Nella mia città non ci sono i resti di palazzi sventrati, non si vedono corpi lacerati, viviamo in uno stato surreale, dentro un’integrità solo apparente che nasconde macerie invisibili. Quelli del silenzio senza fine, delle nuove solitudini, del dolore di chi è malato, dello strazio di chi non c’è più”.

“Con il passare delle settimane la città senza di noi è diventata più bella, in solitudine sta rinascendo, una rinascita estetica ma senza anima”.  Crespi raccoglie le voci di chi ha vissuto l’inferno in prima linea, pazienti, medici, direttori d’ospedale che hanno dovuto contrastare un nemico invisibile da febbraio ad oggi, nelle province più colpite della Lombardia. A viso aperto è “il racconto di un viaggio all’interno di una regione che non si è piegata alla pandemia e che grazie alla forza e al coraggio di medici e infermieri, delle sue istituzioni, degli imprenditori e dei suoi semplici cittadini ha saputo reagire e combattere”, ha spiegato il regista. Nel cast tecnico anche Luigi Crespi. Il film è stato girato in Lombardia, Piemonte, Veneto, Lazio e Campania, raccoglie 25 testimonianze in 12 città ed è l’unico documentario a vasto raggio fatto durante il lockdown.

Leggi anche:

1. Coronavirus, suona il violino dal tetto dell’ospedale di Cremona | VIDEO / 2. L’ospedale di Cremona smentisce l’infermiere Luca Alini: “Nessun caso Covid grave”. E lui rimuove il post

Ti potrebbe interessare
TV / Tali e quali 2023: le anticipazioni (giudici, ospiti e imitazioni) della finale
TV / Sotto assedio – White House Down: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Tali e quali 2023 streaming e diretta tv: dove vedere la finale dello show
Ti potrebbe interessare
TV / Tali e quali 2023: le anticipazioni (giudici, ospiti e imitazioni) della finale
TV / Sotto assedio – White House Down: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Tali e quali 2023 streaming e diretta tv: dove vedere la finale dello show
TV / C’è Posta per Te 2023: anticipazioni e ospiti della quinta puntata, 4 febbraio
TV / C’è Posta per Te 2023 streaming e diretta tv: dove vedere la quinta puntata
TV / Città segrete – Berlino: le anticipazioni del programma di Corrado Augias su Rai 3
TV / Non c’è due senza quattro: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Il ragazzo che diventerà re: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Allarme rosso: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / PrimaFestival Sanremo 2023, l’appuntamento quotidiano su Rai 1 sul Festival: conduttori e ospiti