Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sondaggi

Il 72,6% dei romani boccia la sindaca Virginia Raggi

Immagine di copertina
Virginia Raggi

Sondaggi politici 22 giugno 2019 | Virginia Raggi | I romani bocciano la Raggi

Sondaggi politici 22 giugno – Il 72,6% dei romani boccia la sindaca grillina Virginia Raggi. È quanto emerge da un sondaggio di Euromedia Research pubblicato oggi dal quotidiano “il Messaggero“.

Sono i dati emersi da una “rilevazione scientifico-statistica” volta a “raccogliere gli umori degli elettori di Roma, dai 18 anni in su, rilevando la percezione in merito all’operato della sindaca dopo tre anni di governo della città” che condanna amaramente la prima cittadina pentastellata.

Sondaggi politici 22 giugno | Virginia Raggi bocciata dai romani

Solo il 5% considera positivo il suo operato mentre per il 57% degli intervistati la Raggi non ha fatto nulla di positivo per la città. Più del 68% considera la sindaca “un’incapace” a fronte di un 17,5% che la promuove.

Non solo, il 60,8% di chi l’ha votata nel giugno 2016 oggi non lo rifarebbe a fronte invece di un 28,9% degli intervistati che sarebbe ancora disposto a darle fiducia. I romani, in generale, non la voterebbero per il 76,5%. Solo il 15,6% sarebbe disposto a farlo se il M5S rompesse il divieto di superare i due mandati.

Sondaggi politici 22 giugno | Virginia Raggi e il futuro in Campidoglio

Il 70% delle persone intervistate ritiene che la prima cittadina grillina farebbe meglio a dimettersi mentre il 18,5% spera che resti in Campidoglio fino al 2021. Per il il 47,3% delle persone interpellate la Raggi “è peggio dei predecessori”.

Appena il 21,3% è convinto che abbia fatto meglio, mentre il 26,3% “non vede differenze” con i precedenti sindaci. Nel dettaglio dei singoli servizi offerti dal comune di Roma, questo è il verdetto: il 57,4% la boccia sui rifiuti, il 44,6% sulla manutenzione delle strade, il 35,5% sulla “sporcizia e l’inquinamento” il 25,8% sul trasporto pubblico.

Seguono il “decoro urbano”, la “sicurezza”, la “gestione delle periferie”.

Sul tema dell’immondizia è scontento anche il 35,1% di degli elettori del M5S e uno su cinque boccia la giunta per le buche. Unico segnale di speranza arriva dal 72,7% che è convinto che Roma sia “una città che può rinascere” a discapito di un 24,6% che pensa che la Capitale sia di fronte a un declino irreversibile.

Salvini amatissimo non solo in Italia: in un altro paese (a sorpresa) è il leader più popolare

Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, Michetti non decolla: sfida Gualtieri-Calenda per prendere i voti dei moderati di destra
Politica / Conferenza stampa Mario Draghi oggi: a che ora parla e dove vederla
Politica / Il giornalista “spia” nello staff del governo dei migliori: Renato Farina è il nuovo consulente di Brunetta
Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, Michetti non decolla: sfida Gualtieri-Calenda per prendere i voti dei moderati di destra
Politica / Conferenza stampa Mario Draghi oggi: a che ora parla e dove vederla
Politica / Il giornalista “spia” nello staff del governo dei migliori: Renato Farina è il nuovo consulente di Brunetta
Politica / Fonti Lega a TPI: “Salvini ha paura delle elezioni: per questo non rompe con Draghi”
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Politica / Salvini ha presentato quasi mille emendamenti per fermare il Green Pass
Politica / Draghi non ha cancellato alcun segreto di Stato: ecco perché non vedremo mai i documenti scottanti NATO su Gladio e P2
Politica / La sindrome di Draghi nella Lega: Giorgetti è il leader parallelo che segue Mario