Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

Un australiano che fingeva di essere Justin Bieber è accusato di 900 crimini sessuali su minori

Secondo la polizia l'uomo inviava attraverso Facebook, Skype e altre piattaforme online foto del cantante per convincere le sue vittime della sua falsa identità

Di TPI
Pubblicato il 9 Mar. 2017 alle 10:06 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:33
0
Immagine di copertina

Un uomo che fingeva di essere il cantante canadese Justin Bieber è stato accusato il 9 marzo di più di 900 crimini contro bambini. L’uomo, 42 anni, si presentava come la pop star per adescare i minori e ottenere foto esplicite da loro. Sulla vicenda indaga la polizia del Queensland. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Nel dettaglio i crimini registrati sono 931, tra i quali tre casi di stupro, commessi ai danni di 157 bambini tra Stati Uniti, Regno Unito e Australia. Secondo la polizia l’uomo inviava attraverso Facebook, Skype e altre piattaforme online foto del cantante per convincere le sue vittime della sua falsa identità. 

“Il fatto che così tanti bambini credano di comunicare con una celebrità evidenzia la necessità di ripensare al modo in cui la società educa i nostri bambini riguardo alla sicurezza online”, ha commentato l’ispettore Jon Rouse della task force contro lo sfruttamento dei minori Argos.

L’uomo era già stato accusato in passato per il possesso di materiale per l’adescamento di minori. Dall’analisi del computer dell’impostore risultano prove di crimini simili che risalgono almeno a dieci anni fa. Tornerà davanti ai giudici di Brisbane il 6 aprile.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.