Covid ultime 24h
casi +19.886
deceduti +308
tamponi +353.704
terapie intensive +11

Un uomo è stato arrestato in Australia per aver aiutato l’Isis a sviluppare un piano missilistico

Secondo l'intelligence, il 42enne forniva capacità tecniche e high-tech allo Stato Islamico per fabbricare un razzo teleguidato a lunga gittata

Di TPI
Pubblicato il 28 Feb. 2017 alle 12:30 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:34
0
Immagine di copertina

Un uomo è stato arrestato in Australia con l’accusa di aver provato a consigliare lo Stato Islamico per lo sviluppo di un progetto missilistico. L’uomo, Haisem Zahab, di 42 anni, è stato fermato martedì 28 febbraio a Young, nella regione rurale del New South Wales.

L’uomo, secondo la polizia, stava aiutando a sviluppare un missile teleguidato di lunga gittata e stava ideando un congegno laser. L’arresto non è correlato a un attacco pianificato in Australia, come spiegato dal primo ministro Malcolm Turnbull.

Zahab è un cittadino australiano che, stando alle indagini, pianificava di fornire all’Isis “capacità tecniche e high-tech e di sviluppare missili”. Secondo il Federal Police Commissioner australiano, Andrew Colvin, i consigli dell’uomo erano “ben pianificati e sofisticati”, pur non sembrando che l’uomo abbia avuto esperienze dirette con missili o con la tecnologia laser. 

**Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.**

L’arresto di Zahab, avvenuto davanti alla sua famiglia, è arrivato nel quadro di alcune indagini che vanno avanti da 18 mesi.

Secondo Turnbull questa vicenda sottolinea come ”il terrorismo, il supporto ai gruppi terroristici e l’estremismo islamico non sono limitati alle maggiori città” australiane e dimostra che bisogna essere “vigili”. 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.** 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.