Covid ultime 24h
casi +19.886
deceduti +308
tamponi +353.704
terapie intensive +11

I tassisti di Melbourne protestano contro Uber camminando a passo d’uomo per rallentare il traffico

Il ministro dei Trasporti ha dichiarato che i tassisti hanno il diritto di protestare ma che il loro comportamento è “irresponsabile”

Di TPI
Pubblicato il 27 Feb. 2017 alle 08:08 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:34
0
Immagine di copertina

Una protesta lenta, a 5 chilometri orari per le strade del centro di Melbourne, durante l’ora di punta. Così i tassisti della città australiana hanno deciso di scioperare contro le riforme industriali del governo con le quali verrebbero regolamentate le app come Uber e alcune licenze dei taxi.

I tassisti sono preoccupati di non ricevere compensi sufficienti in seguito a questi cambiamenti legislativi. Attualmente i tassisti australiani lavorano sotto una regolazione ferrea e pagano una cifra molto alta per le loro licenze, fino a 210 milioni di dollari nel 2015.

*Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.*

I tassisti spiegano che temono di “andare in rovina” nel caso in cui passi la nuova normativa. 

Il ministro dei Trasporti ha affermato che i tassisti hanno il diritto di protestare ma ha definito il loro comportamento come “irresponsabile”.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.** 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.