Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Le immagini terribili del pesce incastrato in una busta di plastica che tenta di liberarsi | VIDEO

Un pesce resta intrappolato in una busta di plastica

In un video diventato virale sui social si vede un pesce intrappolato in una busta di plastica. Le immagini sono drammatiche: riprendono il piccolo animale intento a cercare di liberarsi dalla gabbia di plastica che lo circonda, senza riuscirci.

Il video è girato da un sub, che trovandosi di fronte alla scena terribile ha aiutato il pesce a liberarsi dalla morsa della plastica. Nel girato, infatti, si vede l’uomo prima riprendere gli sforzi dell’animale per liberarsi, poi prendere la bustina e mostrare davanti alla telecamera che il piccolo pesce era finito in una trappola da cui non sarebbe uscito vivo se l’uomo non fosse intervenuto.

Subito dopo, il sub ha proceduto all’operazione più delicata e importante: restituire all’animale la libertà. Quando l’uomo toglie la bustina di plastica dal corpo del pesce, l’animale fugge lontano nuotando.

Negli ultimi secondi del video si vede il sub mostrare davanti alla telecamera il pezzo di plastica che avrebbe ucciso l’animale se lui non l’avesse avvistato e liberato. Le immagini sono state diffuse per mostrare gli effetti dell’inquinamento da plastica nei mari.

Non sappiamo esattamente dove siano state girate le immagini, ma conosciamo i dati inquietanti del fenomeno: la plastica rappresenta il 95% dei rifiuti in mare aperto, sui fondali e sulle
spiagge del Mediterraneo e proviene principalmente da Turchia e Spagna, seguite da Italia, Egitto e Francia, si legge nel report 2018 di Wwf.

“Stime recenti riportano come oggi siano presenti oltre 150 milioni di tonnellate di plastica negli oceani del mondo. Senza un’efficace inversione di rotta, entro il 2025 gli oceani conterranno 1 tonnellata di plastica ogni 3 tonnellate di pesce ed entro il 2050 ci sarà, in peso, più plastica che pesce”, si legge ancora.

Il fenomeno è estero e grave. Serve l’impegno di tutti per fermarlo, per far sì che il pianeta smetta di soffrire. Come quel pesce.

L’allarme di Wwf sulla plastica nel Mediterraneo: “33mila bottigliette al minuto in mare”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI