Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

La canzone che dura 18 giorni

È la canzone più lunga della storia: Thom Yorke ha scritto un brano che dura 18 giorni, come colonna sonora per una mostra di arte contemporanea a Sidney

Di Alessandro Leuci
Pubblicato il 1 Giu. 2015 alle 10:33 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:40
0
Immagine di copertina

Si intitola Subterranea il nuovo brano composto da Thom Yorke, cantante e frontman della storica band inglese Radiohead, e dura ben 432 ore. L’equivalente di 18 giorni.

Il brano è stato composto per accompagnare la mostra dell’artista e amico Stanley Donwood, autore di numerose copertine dei Radiohead. L’esposizione è in programma dal 21 maggio al 6 giugno a Sidney, in Australia, presso il Centro di Arte Contemporanea Carriageworks.

La mostra, intitolata The Panic Office, è una retrospettiva sugli ultimi 25 anni di lavoro dell’artista, dalla copertina del secondo album dei Radiohead, The Bends, nel 1994, passando per le sue numerose stampe e installazioni.

Il brano di Yorke ha conquistato il record di canzone più lunga della storia. Composta da un mix di diverse sonorità e sperimentazioni musicali, in cui nessun minuto è identico a un altro, la traccia accompagnerà i visitatori per tutta la durata dell’esposizione.

Il brano sarà trasmesso da altoparlanti distribuiti su tre altezze diverse. Come dice la stazione radio australiana Triple J, nella mostra “i bassi tuoneranno dal pavimento, i medi echeggeranno tra le pareti e gli alti pioveranno dal soffitto”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.