Me

Leonardo DiCaprio ce l’ha fatta: ha salvato una foresta in Guatemala

Di Francesca Ceccarelli
Pubblicato il 7 Giu. 2019 alle 17:18 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:17
Immagine di copertina
Leonardo Di Caprio

Leonardo DiCaprio foresta Guatemala 

Un attore dal cuore grande e verde. Leonardo DiCaprio da tempo impegnato nella salvaguardia del nostro Pianeta è riuscito in una “piccola” grande impresa, salvare una foresta in Guatemala.

A riferirlo la Rainforest Alliance che ha fatto sapere che per la prima volta dopo 20 anni la giungla guatemalteca sta crescendo.

Leonardo Di Caprio foresta Guatemala
Credit: Rainforestalliance /Instagram

Una notizia davvero importante se si pensa che negli ultimi anni si stanno perdendo giorno dopo giorno ettari di verde senza che nessuno alzi un dito, con enorme impatto sull’ambiente e l’uomo.

Su Instagram  la Rainforest Alliance ha comunicato così questo importante traguardo: “Questo risultato fondamentale è parte di una storia ancora più impressionante: nel mezzo della foresta, in condizioni estremamente difficili.

Le comunità hanno creato fiorenti aziende forestali che creano posti di lavoro, combattono la povertà e consentono agli abitanti di proteggere e ripristinare le foreste”.

Soprusi di ogni tipo quelli perpetrati nei confronti della giungla Maya del Guatemala.

Per decenni devastata da incendi boschivi incontrollati, degrado della terra legato al narcotraffico e una cattiva gestione del territorio era stata messa a rischio estinzione.

Leonardo Di Caprio foresta Guatemala | La deforestazione 

Ma con l’intervento di personaggi come DiCaprio e progetti mirati da parte di diverse associazioni le comunità forestali situate in tutta la Maya Biosphere hanno ripreso a respirare con una gestione sostenibile di 0,6 milioni di acri di foresta.

Grazie ai fondi erogati in questi anni sarà poi possibile accentuare sia la sorveglianza dei siti combattendo il disboscamento illegale e prevenendo gli incendi boschivi.

Un piccolo miracolo che DiCaprio assieme a tutte le realtà coinvolte è riuscito a mettere nelle mani di queste comunità locali che, nella parte orientale della Maya Biosphere Reserve (MBR) del Guatemala settentrionale, hanno ripreso la loro vita.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Proprio l’ultimo rapporto redatto da USAID, (Consejo Nacional de Areas Protegidas), Wildlife Conservation Society nel 2017, per la prima volta dall’inizio della raccolta dei dati nel 2000, è stato rilevato un guadagno forestale netto, con un totale di 1.088 ettari ripristinati.

A Milano la plastica vale una Corona. E aiuta a salvare gli oceani

Ilva, i dati sull’inquinamento: “Mortalità eccessiva e sempre più bambini malformati”

Scoperta un’isola di plastica nel Mediterraneo vicino all’Isola d’Elba