Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Le vittime “oscurate” della strage di Berlino

Immagine di copertina

Perché la Germania ha nascosto i nomi dei tedeschi uccisi nel mercatino di Natale?

Sono ormai passati parecchi giorni dall’orribile strage nel
mercatino natalizio di Berlino. E sui dodici morti è calato una sorta di oscuro
silenzio. In particolare sono stati oscurati totalmente dalla Germania i nomi
delle sette vittime tedesche.

Dei cinque “stranieri” uccisi si è appreso pian piano il
nome, le autorità dei rispettivi paesi (Polonia, Italia, Israele, repubblica
Ceca e Ucraina) hanno pronunciato le parole che dovevano, riti funebri sono
stati organizzati, i media se ne sono occupati.

Delle vittime tedesche si conoscono invece solo pichi spezzoni
di storie e non di tutti: una donna di Neuss che era col figlio rimasto ferito,
due uomini del Brandenburgo, pochissimo altro…

Perché tutto ciò? Basta il richiamo alla privacy a spiegare
questa cortina di silenzio, tra l’altro rispettata anche dai media nazionali?

Anche del camionista polacco, l’ “eroe”, si è appreso faticosamente
qualcosa che in dei conti è legato a un brandello di informazione fornito da un
investigatore anonimo a un giornalista della Bild Zeitung. In seguito anche la
premier polacca ha ufficializzato il sacrificio del connazionale.

E poi? Tranne una raccolta di firme per conferire alla sua
memoria un riconoscimento tedesco non si è saputo granché altro.

A un tabloid inglese (il Sun) è stato detto che la famiglia del
camionista è stata di fatto “abbandonata” a se stessa da Germania e Polonia. Nessuno ha chiesto rettifiche…

Così va dunque il mondo?

Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI