Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Jova Beach Party, gli animalisti contro Jovanotti: “Non ce l’abbiamo con la musica ma ci sta a cuore la natura”

Immagine di copertina

Jova Beach Party Lipu – Mancano pochi giorni all’inizio del tour di Jovanotti sulle spiagge italiane, ma l’evento pop più atteso dell’estate continua a essere oggetto di pesanti critiche.

Dopo i genitori dei bambini non ammessi ai Jova Beach Party a causa di un’incomprensione tra il portale di vendita e gli acquirenti, questa volta a scagliarsi contro Jovanotti sono gli ambientalisti della Lega Italiana per la protezione degli uccelli (Lipu).

“Fate schifo!” Genitori in rivolta contro Jovanotti e i suoi Beach Party

In una nota diffusa il 1 luglio 2019, l’associazione animalista esprime preoccupazione per l’impatto che i concerti in spiaggia potrebbero avere sull’ambiente circostante, in particolare sugli ecosistemi delle spiagge dove si svolgeranno i concerti.

Il primo è quella di Lignano Sabbiadoro, dove Jovanotti inaugurerà il tour il 6 luglio prossimo.

La Lipu è così preoccupata da aver chiesto agli organizzatori di annullare le date degli eventi che si svolgeranno nei siti più delicati.

Non ce l’abbiamo con la musica ma ci sta a cuore la natura, già sottoposta a troppe pressioni” dichiara nella nota Marco Gustin, responsabile Specie e ricerca della Lipu.

“Le imponenti strutture necessarie allo svolgimento dei concerti, le opere propedeutiche e le decine di migliaia di persone che popoleranno ogni evento rappresentano problemi oggettivi che non possono lasciare insensibili gli organizzatori del tour e lo stesso Jovanotti. Si è ancora in tempo per rinunciare alle date più impattanti e aumentare le attenzioni per tutte le altre”.

Gli ecosistemi più a rischio sarebbero quelli di Vasto e del Lido degli Estensi, località balneare in provincia di Ferrara.

La Lipu esprime preoccupazione anche per il concerto previsto in Lazio, a Marina di Cerveteri, che è già una soluzione alternativa a quella prevista all’inizio. Il concerto doveva svolgersi nei pressi del Monumento naturale di Torre Flavia, a Ladispoli, ma era stata annullata proprio a causa delle pressioni degli ambientalisti.

In particolare gli attivisti temono l’impatto che i concerti potrebbero avere sul fratino, una delicata specie di uccello che nidifica proprio nel ferrarese.

“Molti fan di Jovanotti ci hanno scritto chiedendo di essere sensibili alle esigenze dell’artista e dei suoi appassionati. Ebbene, la Lipu e gli ambientalisti non ce l’hanno con la musica, che anzi amano e apprezzano come chiunque altro”, dichiara Danilo Selvaggi, Direttore generale della Onlus.

Jovanotti può suonare sulle spiagge ma il fratino non può nidificare nei palasport: se non si coglie questa asimmetria, applicabile a molti altri casi di pressione antropica, non si capisce il dramma che in generale la natura sta vivendo e la richiesta di aiuto che in mille modi ci invia, alla quale davvero nessuno può più sottrarsi”, conclude Selvaggi.

Eppure i Jova Beach Party, sponsorizzati come eventi che avrebbero promosso pratiche “amiche dell’ambiente” e plastic free, hanno ottenuto addirittura il patrocinio del Wwf .

Ma questo non basta per gli ambientalisti della Lipu, che hanno a cuore l’ecosistema più del divertimento estivo dei fan di Lorenzo Cherubini.

Jovanotti cancella il concerto in spiaggia a Ladispoli. La nuova location e tutte le informazioni

I 10 comandamenti del “Jova beach party”. Jovanotti spiega le regole del tour per i fan

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI