Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Sui social si “prega” per gli incendi in Amazzonia, ma con le foto sbagliate

Immagine di copertina
Una delle immagini più diffuse sui social

Le foto sbagliate sui social degli incendi in Amazzonia

Il dramma degli incendi in Amazzonia ha mosso non solo gli attivisti: anche i social si sono mobilitati per sensibilizzare su un tema tanto delicato come la distruzione del polmone della terra. E così sul web è nato un hashtag per diffondere il più possibile una preghiera corale che risvegli gli animi dei potenti, in primis del presidente Jair Bolsonaro.

Su Twitter si sono moltiplicati i post con l’hashtag #PrayforAmazonia: immagini della foresta pluviale che va a fuoco, animali che scappano, zone interamente carbonizzate si rincorrono sul social.

Per Bolsonaro ad appiccare gli incendi in Amazzonia sono le Ong ambientaliste

Alcuni media, però – tra cui La Repubblica – hanno fatto notare come le foto che intasano le bacheche al grido di #PrayforAmazonia non siano tutte relative agli incendi che in questi giorni stanno divorando la foresta dell’Amazzonia.

Alcuni scatti risalgono a incendi avvenuti negli anni addietro, altri, invece, arrivano da altri paesi che, al momento, stanno vivendo lo stesso dramma dell’Amazzonia. Una delle foto in cui ci si imbatte di più cercando #PrayforAmazonia è uno scatto che riprende dall’alto un incendio. La foresta a metà: da una parte gli alberi ancora verdi, dall’altra quelli carbonizzati e in mezzo una linea di fuoco.

Ecco, questa immagine non riprende l’Amazzonia che brucia oggi, ma un incendio di almeno cinque anni fa.

Un’altra immagine che sta circolando molto in queste ore sul web è quella di una scimmia che urla disperata. In piedi sulle zampe anteriori, l’animale sembra reggere tra le braccia, in un gesto tutto umano, il corpo senza vita di un’altra scimmia. La foto è molto forte e suscita sdegno e commozione, ma non è attuale e quella scimmia non si trovava in Brasile. Lo scatto è del 2017 e quei due animali si trovavano in India.


Il terzo scatto che in questi giorni sta facendo il giro del web è quella di un coniglio carbonizzato. La foto è terribile, ma anche in questo caso non è strettamente attuale: risale al novembre del 2018, quando un ingente incendio ha devastato la California.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI