Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Senza categoria

Il boia di Damasco reloaded

Immagine di copertina

CNN, the Guardian e Le Monde pubblicano un rapporto che accusa il regime siriano di torture e assassini "su scala industriale"

A due giorni dall’inizio di Ginevra2, la conferenza sulla Siria che – secondo diversi analisti – si rivelerà una farsa (e già in parte lo è), la CNN, seguita poi dal Guardian e Le Monde, pubblica un rapporto compilato da sei esperti (giuristi, scienziati forensi, un antropologo, un esperto di immagini digitali) chiamati a dare un loro parere su 55.000 fotografie riguardanti, secondo le stime, 11.000 persone torturate e uccise nelle carceri di Bashar al-Asad.

Le ha fornite “Caesar”, nome in codice per un supertestimone che fino a ieri faceva il fotografo della polizia segreta e oggi è fuggito in un luogo a noi sconosciuto insieme alla documentazione che ha messo a disposizione.

Il quadro è terribile – i dettagli potete leggerli altrove – ma quella che esce dal rapporto è una verità che da tempo in tanti conoscono e denunciano – ad esempio Human Rights Watch già nel luglio 2012.

Il fatto che esso sia stato reso pubblico proprio a ridosso di Ginevra2 farà gridare al complotto i sostenitori del regime. Mentre, probabilmente, chi l’ha fatto filtrare ha atteso proprio una “finestra” come Ginevra2 per riportare l’occhio letargico dell’opinione pubblica occidentale sui pesi e le misure con i quali, quando parliamo di Siria, dobbiamo confrontarci.

Un’opinione pubblica che era stata abbondantemente anestetizzata con la conclusione – che conclusione ovviamente non è – della “resa chimica” del regime e che ora deve sapere che quelli torturati ed eliminati non erano jihadisti, qaidisti, terroristi: quelli Asad li ha liberati, a suo tempo, cioè all’inizio della rivolta.

No: quelle persone erano attivisti, gente che chiedeva libertà, democrazia, dignità.

Erano persone che nessuno rappresenterà a Ginevra2.

 

 

 

Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Il cacciatore e la regina di ghiaccio: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Milan Juventus streaming e diretta tv: dove vederla
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Il cacciatore e la regina di ghiaccio: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Milan Juventus streaming e diretta tv: dove vederla
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Cronaca / “Le mascherine rosa non le indossiamo”: per il sindacato di Polizia il colore non fa onore alla divisa
Senza categoria / The Greatest Showman: tutto quello che c’è da sapere sul film musical
Senza categoria / C’era una volta in America: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Miss Potter: tutto quello che c’è da sapere sul film su La7
Cronaca / Decreto anti Covid: cosa cambia dal 27 dicembre | VIDEO
Cronaca / Livorno: donna in coma salvata dai carabinieri che scoprono la sua identità grazie al tatuaggio dei figli
Senza categoria / The Great Wall: tutto quello che c’è da sapere sul film