Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Senza categoria

E se fosse la volta buona?

Immagine di copertina

Un punto di vista sull'anno economico che ci attende

Il 1° gennaio del 2014 la Lettonia è ufficialmente entrata a far parte dell’Eurozona.

La notizia potrebbe essere tranquillamente definita di nicchia, ma in realtà si tratta di un avvenimento che può portare una nota d’incoraggiamento a tutto il continente europeo.

Senza partire dalla radici storiche dello stato lettone (a partire alla costituzione del 1922, ripristinata a seguito della ritrovata indipendenza dall’Urss nel 1991) ritorniamo a meno di sei anni fa. Al settembre 2008.

A seguito della grande crisi del mutui subprime si scatena una grande crisi economica conseguente all’eccessiva deregolamentazione dei mercati finanziari. In questo quadro la crisi brevemente si sposta dal settore finanziario a quello dell’economia reale, intaccando i bilanci degli stati sovrani.

In un scenario di questo tipo nel giugno 2009, proprio in concomitanza con le ultime elezioni europee, il quadro in Lettonia era il seguente: Pil in picchiata, paese baltico più sottosviluppato, disoccupazione al top, un governo populista al potere e una valuta nazionale (il Lats) sempre più in difficoltà.

Oggi lo scenario, dopo quasi cinque anni, sembra del tutto cambiato: la disoccupazione si attesta all’11.3%, percentuale sotto la media della zona Euro, la crescita del Pil è quasi ai livelli di quello polacco (+4% nel 2013 e secondo le stime andrà ancor meglio nel 2014), un debito pubblico inferiore al 40% e un rapporto tra deficit e Prodotto Interno Lordo pari all’1.4%. Il tutto in una situazione politica in cui a breve entrerà in carica un governo filo-europeo guidato dal Partito dell’Unità.

Nel corso del suo ultimo report il centro studi degli Artigiani di Mestre ha segnalato una, a tratti, incredibile verità: nel corso dell’anno solare 2013 in Italia le tasse sono lievemente diminuite. Una delle poche certezze, nel campo dei dati macroeconomici, è che il Pil italiano nel 2014 sarà di segno positivo. E il ministro dell’economia non esclude altri ritocchi all’ingiù della tassazione, grazie a tagli alla spesa pubblica e alla lotta contro l’evasione fiscale.

Senz’altro non tutto è oro ciò che luccica, ma un dubbio trapela: se questo 2014 fosse l’anno giusto?

Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Una donna per amica: tutto quello che c’è da sapere sul film
Cronaca / Covid, 2.275 nuovi casi e 51 morti nell'ultimo giorno
Senza categoria / Friends: quando esce in Italia e dove vedere la reunion
Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Una donna per amica: tutto quello che c’è da sapere sul film
Cronaca / Covid, 2.275 nuovi casi e 51 morti nell'ultimo giorno
Senza categoria / Friends: quando esce in Italia e dove vedere la reunion
Senza categoria / Chiamami ancora amore streaming e diretta tv: dove vedere la terza e ultima puntata
Economia / Banca Ifis: primo trimestre 2021 con 20,1 milioni di utili e ricavi in crescita a doppia cifra
Senza categoria / Sassuolo Juventus streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Senza categoria / Acts of Violence: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / The Good Doctor 4: le anticipazioni (trama e cast) dell’ottava puntata
Senza categoria / Titanic: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / #TUCOMELEI, al via la campagna per combattere la violenza di genere e la cultura dello stupro