Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Senza categoria

Deputata dem Usa si rifiuta di entrare in Israele: “Trattamento criminale nei miei confronti”

Immagine di copertina

La deputata democratica americana Rashida Tlaib il 16 agosto ha rinunciato alla sua visita alla nonna in Cisgiordania, nonostante l’autorizzazione all’ingresso ricevuta dal ministero dell’Interno israeliano lo stesso giorno. Il ministero aveva concesso alla deputata la possibilità di entrare per “motivi umanitari” a patto di “non promuovere la causa del boicottaggio contro Israele durante il suo soggiorno”. Queste condizioni però sono state ritenute inaccettabili dalla Tlaib che ha quindi annunciato su Twitter la sua rinuncia a far visita alla nonna anziana: “L’imposizione del silenzio e un trattamento da criminale non è quello che mia nonna vuole per me. Ucciderebbe una parte di me. Ho deciso che visitare mia nonna sotto queste condizioni di oppressione va contro tutto quello in cui credo, alla mia lotta contro il razzismo, l’oppressione e l’ingiustizia”.

La deputata statunitense Rashida Tlaib aveva inizialmente indirizzato al ministro una lettera in cui richiedeva l’ingresso nello Stato ebraico, pubblicata dal portale israeliano Ynet. “Vorrei richiedere l’ingresso in Israele per visitare i miei parenti, e in particolare mia nonna, che ha 90 anni e vive a Beit Ur al-Fouqa”, si legge nella missiva.

Il 15 agosto Israele aveva vietato la concessione del visto d’ingresso nel Paese alle due deputate statunitensi Ilhan Omar e Rashida Tlaib, che intendevano visitare Israele e i territori occupati. Le due rappresentanti politiche, entrambe molto critiche sia con l’amministrazione del presidente Donald Trump e con il governo dello Stato ebraico, hanno espresso il proprio sostegno al movimento per il Boicottaggio, il Disinvestimento e le Sanzioni (BDS), un gruppo politico transnazionale che mira a fare pressioni su Israele perché concluda l’occupazione dei territori palestinesi. Successivamente il 16 agosto il governo ha autorizzato la visita “su condizione” ma la deputata alla fine ha deciso di declinare l’offerta.

Usa, deputata risponde con una poesia alle offese razziste di Trump: “Puoi spararmi con le parole, ma io mi solleverò”

Ti potrebbe interessare
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Esteri / Omicidio Regeni, l’impertinenza egiziana: “Non c’è motivo per iniziare un processo”
Esteri / Un bisonte e un paio d'occhiali da sole: così sottovoce Biden torna a trattare con Putin
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano
Esteri / Hong Kong, blitz della polizia negli uffici del giornale pro-democrazia: 5 arresti
Esteri / Biden regala a Putin un bisonte di cristallo: ecco cosa simboleggia
Esteri / Violentata in una casa vacanze, 29enne risarcita con 7 milioni da Airbnb
Esteri / Abusati, picchiati, derubati: quei minori stranieri respinti illegalmente alla frontiera del Nord Italia