Covid ultime 24h
casi +15.943
deceduti +429
tamponi +327.704
terapie intensive -51

Un contractor australiano è stato ucciso a colpi di pistola in Iraq

L’uomo lavorava per una società privata che garantisce la sicurezza ai diplomatici australiani

Di TPI
Pubblicato il 13 Mag. 2016 alle 15:02 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:36
0
Immagine di copertina

Un contractor australiano di 34 anni, il cui nome non è stato ancora rivelato, è stato ucciso a colpi di pistola davanti all’ambasciata del suo paese a Baghdad, in Iraq.

L’uomo lavorava per lo Unity Resources Group, una società privata che garantisce la sicurezza ai diplomatici australiani. Nonostante le smentite del governo, i dipendenti hanno di recente accusato la società di aver tagliato i costi e quindi gli equipaggiamenti necessari alla difesa dello staff.

Le cause dell’omicidio non sono chiare, ma il ministro degli Affari Esteri australiano Julie Bishop ha dichiarato che la morte dell’uomo non è da legare all’attuale situazione politica dell’Iraq.

Il primo ministro Malcolm Turnbull si è rifiutato di commentare l’accaduto, ma il governo australiano ha confermato di avere già innalzato il livello di sicurezza dell’ambasciata.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.