Covid ultime 24h
casi +23.641
deceduti +307
tamponi +355.024
terapie intensive +46

La carenza di vitamina D in gravidanza potrebbe influire sull’insorgenza dell’autismo

Evidenze scientifiche mostrano che la vitamina D, sintetizzata dal corpo umano grazie all'esposizione al sole, è essenziale per la salute delle ossa e del cervello

Di TPI
Pubblicato il 14 Dic. 2016 alle 12:45 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:35
0
Immagine di copertina

Alcuni ricercatori australiani hanno mostrato una possibile connessione tra la carenza di vitamina D in gravidanza e l’insorgenza dell’autismo.

Le donne che alla ventesima settimana di gestazione presentano bassi livelli di vitamina D hanno più probabilità di avere bambini che manifestano i tratti dell’autismo a sei anni di vita. Lo studio ha esaminato circa 4.200 campioni di sangue raccolti da donne incinte e dai loro figli, monitorati dal programma Generation R, condotto a Rotterdam. 

“Questa ricerca fornisce ulteriori prove che bassi livelli di vitamina D sono associati a disordini dello sviluppo neurologico fetale”, ha dichiarato John McGrath, professore di epidemiologia e neurobiologia dello sviluppo del Brain Insititute dell’Università di Queensland, in Australia. 

Un utilizzo di integratori di vitamina D in gravidanza potrebbe ridurre l’incidenza dell’autismo, come in passato l’integrazione di acido folico ha ridotto i casi di spina bifida, una malformazione neonatale alle vertebre.

“Non consigliamo più l’esposizione al sole, a causa dell’incremento del rischio di cancro alla pelle in paesi come l’Australia”, ha detto McGrath, che ha condotto lo studio insieme a Henning Tiemeier, ricercatore in epidemiologia psichiatrica dell’Erasmus Medical Centre di Rotterdam, nei Paesi Bassi. “Assumere un integratore di vitamina D sicuro, economico e accessibile per quei gruppi a rischio potrebbe ridurre la possibilità che l’autismo si manifesti”. 

La vitamina D è sintetizzata dal corpo umano grazie l’esposizione al sole, e può essere trovata in alcuni cibi e integratori. Esistono evidenze scientifiche secondo cui la vitamina D è essenziale per la salute delle ossa e del cervello. 

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Il professor Andrew Whitehouse, esperto di autismo e di sviluppo del bambino presso il Telethon Kids Intstitute di Perth, in Australia, è un sostenitore dell’uso delle vitamine durante la gravidanza. 

“Esistono, probabilmente, decine se non centinaia di meccanismi diversi che possono condurre all’autismo”, ha detto Whitehouse. ”Questo studio restituisce una vaga idea di un possibile meccanismo, ma abbiamo bisogno di ottenere nuovi risultati che confermino questi dati. Quello che sappiamo è che la vitamina D durante la gravidanza è molto importante per lo sviluppo del bambino.

La carenza di vitamina D durante la gravidanza è stata precedentemente legata a diverse condizioni, tra cui la schizofrenia, l’asma e la riduzione della densità ossea.

All’inizio del 2016 uno studio australiano pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, ha mostrato che la vitamina D è importante nei primi dieci anni di vita di un bambino per quanto riguarda lo sviluppo di allergie. I ricercatori del Murdoch Children’s Institute hanno evidenziato un legame tra la carenza di vitamina D nella prima infanzia e il manifestarsi di disturbi allergici come asma, eczema e dermatite atopica.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.