Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Senza categoria

C’era una volta Homs

Immagine di copertina

l'aiuto umanitario e poi l'oblio

Per immaginare cosa possa essere stata Homs potreste farvi un giro su Wikipedia.

Per immaginare come è diventata potreste invece fare un giro sulla pagina del gruppo di giovani fotografi che da diversi mesi ci riporta le realtà martoriata di quella città e della sua campagna.

Le due cose, messe insieme, potrebbero farvi riflettere sulla necessità dell’aiuto umanitario per chi è rimasto a Homs.

E un respiro di sollievo potreste tirarlo apprendendo che nel contesto di Ginevra 2 si è forse trovato un accordo per permettere a donne e bambini di uscire dalle zone assediate dall’esercito di Asad (di seguito, poi, potrebbero anche essere evacuati gli uomini).

Ma il fatto è che tutto questo non basterebbe per descrivere ciò che è successo e potrebbe succedere a Homs.

Riguardo a ciò che è successo, oltre ai bombardamenti, le distruzioni e il tentativo di presa per fame delle aree ribelli, del quale è testimone ancora oggi il gesuita olandese Frans van der Lugt, non avremmo l’esatta misura se non considerassimo che gran parte della popolazione è già fuggita, che Homs è in molte aree una città fantasma e che quelle persone difficilmente torneranno indietro, difficilmente riavranno anche solo le macerie di ciò che avevano.

E ciò avviene per un motivo preciso: i registri del catasto di Homs sono stati bruciati dalle milizie pro-Asad quest’estate.

Sappiate che, addirittura, per tutte queste persone già fuggite, oltre che per quelle che si apprestano a fuggire, sarà ben difficile avere anche solo una carta d’identità siriana: dopo le elezioni del 2014 le vecchie carte d’identità saranno, per il regime, carta straccia.

Bene, riavvolgete e rileggete nell’ordine seguente:

1. Homs prima che Asad la prendesse a cannonate (crogiolatevi nella descrizione di usi e costumi)
2. assedio e distruzione di Homs
3. distruzione della documentazione riguardante le proprietà a Homs
4. probabile riscrittura dell’anagrafe di Homs
5. permesso di fuggire da Homs senza essere presi a fucilate.

Capite, ora?

Come si chiama, questa? Pulizia etnica? Forse è qualcosa di ancora peggiore, che non so definire.

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Il cacciatore e la regina di ghiaccio: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Milan Juventus streaming e diretta tv: dove vederla
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Il cacciatore e la regina di ghiaccio: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Milan Juventus streaming e diretta tv: dove vederla
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Cronaca / “Le mascherine rosa non le indossiamo”: per il sindacato di Polizia il colore non fa onore alla divisa
Senza categoria / The Greatest Showman: tutto quello che c’è da sapere sul film musical
Senza categoria / C’era una volta in America: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Miss Potter: tutto quello che c’è da sapere sul film su La7
Cronaca / Decreto anti Covid: cosa cambia dal 27 dicembre | VIDEO
Cronaca / Livorno: donna in coma salvata dai carabinieri che scoprono la sua identità grazie al tatuaggio dei figli
Senza categoria / The Great Wall: tutto quello che c’è da sapere sul film