Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

In Australia arrivano i semafori con le figure femminili per combattere i pregiudizi

L'idea di usare sagome femminili al posto del classico omino vuole rappresentare un passo verso la parità di genere

Di TPI
Pubblicato il 7 Mar. 2017 alle 11:10 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:33
0
Immagine di copertina

A Melbourne l’omino del semaforo indossa la gonna. L’idea di usare figure femminili al posto del classico omino maschio vuole rappresentare un passo verso la parità di genere e ha l’obiettivo di “ridurre i pregiudizi inconsci” secondo il Comitato di Melbourne, un gruppo di pressione australiano. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’organizzazione no-profit composta da più di 120 gruppi ha intrapreso una battaglia per la parità di rappresentanza di uomini e donne nello stato di Victoria con la sua iniziativa Equal Crossing dedicata ai semafori.

L’iniziativa è totalmente finanziata da un’azienda privata locale di energia elettrica, a costo zero per i contribuenti. Le prime luci a essere state modificate sono state quelle dei semafori fuori dalla stazione di Flinders Street. 

“L’idea è quella di installare semafori con sagome femminili, così come quella di sesso maschile, per contribuire a ridurre i pregiudizi inconsci. Sappiamo che Melbourne è la città più vivibile del mondo e vorremmo far sì che Melbourne sia conosciuta anche come quella più egualitaria”, hanno detto i promotori dell’iniziativa. 

Il progetto ha destato anche alcune critiche, tra cui quella del sindaco Robert Doyle. 

Melbourne non è l’unica città a voler implementare semafori di questo tipo. In Nuova Zelanda esistono iniziative simili e a Vienna nel 2015 furono installati semafori con coppie gay e lesbiche. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.