Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Senza categoria

Arrivato il quesito. Anzi, sono tre

Immagine di copertina

Il presidente del governo catalano ha annunciato i quesiti del referendum sull'indipendenza, che si terrebbe il 9 novembre 2014.

Alla fine è arrivato. Anzi, sono arrivati. Dopo mesi di speculazioni, allusioni, mosse e contromosse tattiche, Artur Mas ha annunciato ieri i quesiti che decideranno il futuro politico della Catalogna. Nell’ipotetico referendum da celebrare il 9 novembre dell’anno prossimo, le domande saranno due. La prima: “Vuole che la Catalogna si converta in Stato?”, sarà seguita, in caso affermativo, da quest’altra: “Vuole che sia indipendente?”. L’annuncio aveva tutta la solennità dei grandi momenti e, per sottolineare l’importanze della decisione, il presidente del Govern era circondato da tutti i leader dei partiti catalani a favore del referendum.

Tuttavia, la definizione dei quesiti, lungi dal dissipare le nubi dal cielo politico di Barcellona, ha generato una tormenta di dubbi e critiche. Alcuni analisti di lungo corso hanno fatto notare come la prima domanda sia troppo fumosa (in che stato si trasformerà la Catalogna? Liquido, solido o gassoso?), mentre altri hanno sottolineato come la fuga in avanti di Mas non sia altro che frutto della sua impotenza politica, dovuta alla consapevolezza che le possbilità di celebrare una consultazione sono nulle. Lo stato spagnolo, per bocca del presidente del governo Rajoy (assecondato anche dal capo dell’opposizione socialista Rubalcaba), ha risposto subito in tono minaccioso che “il referendum non si farà” e ha sbattuto in faccia ai nazionalisti ogni porta di dialogo. L’arrocco di Madrid è totale, considerato anche che il Partito Popolare al governo ha deciso di puntare sulla sfida ai secessionisti catalani le fiches migliori per rilanciare la sua immagine conservatrice.

Intanto, tra le pieghe di una società catalana divisa che prende posizione sull’argomento, si insinua un’altra domanda, che attiene alle fibre più emotive del suo tessuto identitario: se la Catalogna diventa indipendente, in che Liga giocherà il Barça?

Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Il cacciatore e la regina di ghiaccio: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Milan Juventus streaming e diretta tv: dove vederla
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Il cacciatore e la regina di ghiaccio: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Milan Juventus streaming e diretta tv: dove vederla
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Cronaca / “Le mascherine rosa non le indossiamo”: per il sindacato di Polizia il colore non fa onore alla divisa
Senza categoria / The Greatest Showman: tutto quello che c’è da sapere sul film musical
Senza categoria / C’era una volta in America: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Miss Potter: tutto quello che c’è da sapere sul film su La7
Cronaca / Decreto anti Covid: cosa cambia dal 27 dicembre | VIDEO
Cronaca / Livorno: donna in coma salvata dai carabinieri che scoprono la sua identità grazie al tatuaggio dei figli
Senza categoria / The Great Wall: tutto quello che c’è da sapere sul film