Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

“Ofiuco è il tredicesimo segno zodiacale”: l’oroscopo è da rifare?

Immagine di copertina

Esiste un tredicesimo segno: secondo la Nasa, l’oroscopo è da rifare

Esiste un tredicesimo segno? Abbiamo letto l’oroscopo male fino ad oggi? Il dubbio arriva dalla Nasa, che già nel 2016 aveva sollevato la questione spiegando che i babilonesi – già ai loro tempi – erano coscienti del fatto che i dodici segni zodiacali non si adattassero perfettamente ai movimenti della rotazione terrestre, di conseguenza, secondo le antiche storie dei babilonesi, esisteva una tredicesima costellazione all’interno dello zodiaco, detta Ofiuco, che lasciarono fuori perché non si allineava alle loro abitudini (basate sul numero 12).  “I babilonesi hanno diviso lo zodiaco in 12 parti uguali – come tagliare una pizza in 12 fette uguali. Hanno scelto 12 costellazioni nello zodiaco, una per ciascuna delle 12 fette. Quindi, sebbene la Terra orbiti attorno al Sole, il Sole sembrerebbe passare attraverso ciascuna delle 12 parti dello zodiaco. Dato che i Babilonesi avevano già un calendario di 12 mesi (basato sulle fasi della Luna), ogni mese riceveva una fetta dello zodiaco tutto per sé. Tuttavia resta il fatto che secondo le antiche storie dei babilonesi, esistevano 13 costellazioni nello zodiaco. (Altre culture e tradizioni hanno riconosciuto fino a 24 costellazioni nello zodiaco”, si legge nel post della Nasa.

“Anche allora, alcuni dei 12 segni scelti non si adattavano perfettamente alla loro ‘fetta di torta assegnata’, andando dunque a spostarsi su quello successivo”, prosegue la Nasa nel suo articolo. Con Ofiuco, il sole è allineato circa 18 giorni all’anno. La costellazione, situata a nord-ovest del centro della Via Lattea, non appartiene però al sistema astrologico che utilizziamo tutt’oggi (l’astrologia tropicale), ma appartiene all’astrologia siderale, utilizzata nella cultura indù.

L’aggiunta di un ulteriore segno nello zodiaco costringerebbe tutti gli altri a scalare. Quelli nati dal 24 agosto al 22 settembre, ad esempio, che cadono nel segno della Vergine, con l’aggiunta di Ofiuco nello zodiaco sarebbero della Vergine solo se nati tra il 16 settembre e il 30 ottobre. Il segno dell’Ofiuco riguarderebbe coloro nati tra il 29 novembre e il 17 dicembre. Come specifica Dazed & Confused, L’Oficuo è una delle 88 costellazioni moderne che significa “colui che porta il serpente” (di fatto viene spesso chiamato Serpentario).

Leggi anche:

1. La Nasa ha bisogno di un “water lunare”: 35mila euro a chi riesce a realizzarlo / 2. La Nasa permette di scoprire quale foto è stata scattata il giorno del proprio compleanno

Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Scienza / Così le nostre abitudini alimentari favoriscono la diffusione di pandemie
Scienza / Spazio, individuato un segnale da una galassia lontana: “batte come un cuore”
Scienza / Stasera la Superluna del cervo, la più grande dell'anno: quando e come vederla
Scienza / La Nasa mostra le immagini scattate dal telescopio Webb che svelano l'alba dell'universo
Scienza / Scoperto il batterio più grande del mondo: è visibile ad occhio nudo e arriva a 2 centimetri
Scienza / Trapiantato un orecchio stampato in 3D con cellule umane: è la prima volta al mondo
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”