Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

iPhone X 2018 con una scheda tecnica ancora più potente, le anticipazioni

Immagine di copertina

Grazie a un preliminare test di benchmark è possibile anticipare la presenza del nuovo SoC Apple A12 e di 4GB di memoria Ram, ecco come sarà

iPhone X 2018 inizia a mostrarsi con alcune anticipazioni succulente. Il nuovo smartphone di Apple è atteso per il prossimo settembre, tuttavia siamo a conoscenza già di molti dettagli su come sarà.

Merito di un test di benchmark recentemente pubblicato su Geekbench e riferito a un modello di iPhone ancora sconosciuto. Indicato come iPhone 11,2, questo terminale presenta sostanziali differenze col passato.

La scheda tecnica di iPhone X 2018 – L’hardware di iPhone X dovrebbe infatti appoggiarsi sul nuovo processore Apple A12 supportato da 4GB di memoria RAM e con sistema operativo iOS 12. Il modello precedente iPhone X che ha debuttato nel settembre 2017 era mosso da il processore Apple A11 Bionic con 3GB di Ram.

Ben consci che i dispositivi di Copertino siano tra i meglio ottimizzati del panorama tecnologico mondiale, un tale aumento di RAM avrà degli effetti notevoli sulle prestazioni. Però, i valori e i punteggi mostrati nel benchmark non evidenziano un salto evolutivo così importante.

Il misterioso iPhone ha ottenuto 4.673 punti nel test single core e 10.912 punti nel test multi-core. Il precedente aveva raggiunto 4.200 in single core e 10.000 in multi-core. Cosa significano questi numeri? Sono una sorta di prova su banco, passando il parallelo motoristico.

Più netto l’incremento della performance grafiche visto che la GPU di iPhone X 2018 avrebbe un miglioramento del 40%. Naturalmente si tratta ancora di test preliminari che non si devono prendere come definitivi ma con la dovuta cautela.

Dalle informazioni diffuse dal test stesso (e scovate da 91Mobiles) c’è anche quella sullo schermo. E, come da anticipazioni, sarà di natura OLED, come ovvio. Grazie a questo pannello i colori saranno estremamente vividi grazie al nero perfetto creato dai pixel che si possono spegnere. La diagonale potrebbe anche aumentare in modo sensibile pur diminuendo l’ingombro.

iPhone X 2018 benchmark

Il design di iPhone X 2018 – Sotto il profilo estetico, il nuovo iPhone X 2018 dovrebbe assottigliare i bordi superiore è inferiore mantenendo uno stile identico sui bordi. Anche la batteria dovrebbe aumentare in capacità.

Non è ancora chiaro Se il nuovo iPhone X 2018 monterà o meno uno scanner delle impronte digitali o se farà solo affidamento al riconoscimento facciale. Gli utenti hanno richiesto diverse volte il lettore delle impronte starà a Apple vedere se soddisfarli o meno.

C’è da aspettare un miglioramento significativo anche per quanto riguarda la fotocamera digitale sul retro. Se è scontata la presenza di un doppio sensore dovrebbe migliorare la risoluzione così come le performance video e di messa a fuoco.

Insomma di carne al fuoco sul prossimo iPhone X 2018 ce n’è molta. Non resta che attendere ulteriori anticipazioni. E intanto, rimane ancora valida l’ipotesi di un iPhone economico in uscita a breve, anche se iPhone SE 2018 sembra cancellato.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto