Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Cosa è la Ittiosi Arlecchino, la malattia di cui è affetto il bambino abbandonato in ospedale dai suoi genitori

Immagine di copertina

La patologia colpisce un neonato su un milione

Cosa è la Ittiosi Arlecchino, la malattia che ha colpito Giovannino, il bambino abbandonato in ospedale dai suoi genitori

Ha commosso l’Italia la vicenda del bambino abbandonato dai suoi genitori in un ospedale di Torino perché affetto da una malattia incurabile: ma che cosa è la Ittiosi Arlecchino, la patologia che ha colpito Giovannino?

Bambino con una malattia incurabile abbandonato dai genitori in ospedale

Si tratta di una patologia molto rara, che colpisce un neonato su un milione.

I bambini che ne sono affetti sono avvolti da una membrana simile a uno strato cutaneo aggiuntivo, con squame grandi, spesse e simili a placche presenti su tutto il corpo, che limitano gravemente il movimento.

La Ittiosi Arlecchino è una malattia che si associa a un’elevata mortalità immediatamente dopo la nascita perché comporta una grave disregolazione della temperatura, problemi alimentari, infezioni e disturbi respiratori.

I bambini che sopravvivono alla Ittiosi Arlecchino hanno un’aspettativa di vita nomale, ma potrebbero sviluppare una grave malattia della pelle, problemi agli occhi e un ritardo nello sviluppo motorio e sociale.

Vista la sua complessità, la presa in carico richiede – secondo quanto afferma il sito Malattie Rare Orphanet – un approccio multidisciplinare, composta da oftalmologi, chirurghi, dietologi e psicologi.

La storia di Giovannino, il bambino abbandonato in ospedale perché affetto dalla malattia Ittiosi Arlecchino

Giovannino, così è stato soprannominato il piccolo dallo staff dell’ospedale Sant’Anna di Torino dove è in cura, è stato concepito con una fecondazione eterologa ed è nato quattro mesi fa. Tuttavia, i genitori hanno deciso di abbandonarlo in ospedale quando hanno scoperto che era affetto da Ittiosi Arlecchino, una malattia rarissima e incurabile.

“Prendere la decisione di lasciarlo in ospedale è devastante” ha dichiarato il dottor Daniele Farina, direttore del reparto di terapia intensiva neonatale dove è ricoverato il neonato. “Probabilmente hanno avuto paura di non riuscire a gestirlo, paura di non poter far fronte alle spese economiche”.

“Per principio non giudico la scelta dei genitori di Giovannino. Gli hanno dato la vita, ora la famiglia gliela troviamo noi” ha poi aggiunto il medico.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio