Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Uno studio conferma: il fumo è correlato alle forme più gravi di Coronavirus

Immagine di copertina

I fumatori presentano livelli più alti di una molecola chiamata “enzima di conversione dell’angiotensina II” (ACE-2) che consente al Covid-19 di entrare nelle cellule polmonari e causare l’infezione

Il fumo è correlato alle forme più gravi di Coronavirus: la conferma in uno studio

C’è una correlazione tra il fumo di sigaretta e le forme più aggressive di Coronavirus. A confermarlo un prestigioso studio condotto alla British Columbia University e al St. Paul’s Hospital di Vancouver, in Canada, che dimostra come i fumatori e coloro che soffrono di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) hanno generalmente livelli elevati di una molecola chiamata “enzima di conversione dell’angiotensina II” (ACE-2), già riconosciuta come un punto d’accesso che consente al Covid-19 di entrare nelle cellule polmonari e causare l’infezione.

Questo nuovo studio rafforza quindi l’ipotesi che ci sia un forte legame tra il vizio di fumare e le conseguenze più gravi legate al contagio da Coronavirus. Il lavoro è stato pubblicato sull’European Respiratory Journal. Anche se molto difficile da fare, un valido modo per proteggersi dalle forme di Covid-19 più pericolose è quello di smettere di fumare. Lo studio inoltre sembra proprio andare in tal senso: i livelli di ACE-2 negli ex fumatori sono infatti decisamente più bassi rispetto a quelli presenti negli attuali fumatori.

La broncopneumopatia cronica ostruttiva è infatti legata a doppio filo al fumo di sigaretta: causa un danno irreversibile delle vie aeree, associato a uno stato di infiammazione del tessuto polmonare. Le conseguenze sono difficoltà respiratorie più o meno gravi. I test sono stati condotti studiando campioni prelevati dai polmoni di 21 pazienti con BPCO e altrettante persone sane, e misurando il livello di ACE-2. Le conclusioni hanno confermato che i livelli di ACE-2 sono particolarmente alti nei fumatori, più bassi in chi non ne ha mai fatto uso o ha smesso.

“I dati che osserviamo dalla Cina suggeriscono che i pazienti con BPCO hanno un rischio maggiore di esiti peggiori da Covid-19. Abbiamo ipotizzato che ciò sia dovuto ai livelli elevati di ACE-2 nelle vie aeree, che potrebbero forse rendere più facile l’ingresso del virus e lo sviluppo dell’infezione”, conferma l’autrice dello studio, Janice Leung.

“I pazienti con BPCO dovrebbero attenersi rigorosamente al distanziamento sociale e all’igiene delle mani consigliata per prevenire l’infezione — conclude Leung —. Abbiamo però scoperto che gli ex fumatori hanno livelli di ACE-2 simili rispetto a chi non ha mai acceso una sigaretta. Questo dato suggerisce che non c’è mai stato un momento migliore per smettere di fumare, anche per proteggersi da Covid-19”.

Leggi anche: 1. “In Lombardia non si potevano fare zone rosse, non si poteva fermare la produzione”: parla a TPI il presidente di Confindustria Lombardia / 2. Mancata chiusura di Alzano e Nembro, è polemica tra Conte e la Regione Lombardia / 3. Pensieri di un fumatore incallito ai tempi del Coronavirus (di Costantino Pistilli)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio