Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

Il cervello non smette di “sentire” in punto di morte: lo studio rivoluzionario

Immagine di copertina

Cosa avviene nel cervello in punto di morte: il nuovo studio

Secondo un nuovo studio, l’udito è l’ultimo dei cinque sensi a spegnersi, anche in punto di morte. Quando ormai non si risponde più agli stimoli esterni, il nostro cervello invece continua a percepire parole e suoni. Lo studio arriva dall’Università della British Columbia, è stato condotto su malati di un hospice di Vancouver quando erano coscienti e quando non lo erano più ed è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

In cosa consiste lo studio? Utilizzando l’elettroencefalogramma, il team di ricercatori guidato da Elizabeth Blundon ha confrontato i dati dei pazienti con quelli delle persone sane. “Nelle ultime ore prima di una morte naturale imminente, molte persone entrano in una fase di non responsività. I nostri dati mostrano che un cervello morente riesce ancora a rispondere al suono, anche in uno stato di incoscienza, fino alle ultime ore di vita”, ha spiegato la Blundon. I ricercatori hanno utilizzato diversi tipi di suoni (comuni ma anche rari), di conseguenza hanno monitorato la risposta celebrale con l’elettrocardiogramma e di qui la scoperta: i pazienti, anche a poche ore dalla morte, rispondevano in modo simile ai soggetti giovani e sani.

“Abbiamo potuto identificare degli specifici processi cognitivi in entrambi i gruppi rilevando che anche il cervello dei pazienti, che non rispondevano più, reagiva in modo simile a quello degli altri partecipanti allo studio”, ha puntualizzato uno dei ricercatori, Lawrence Ward. Tale scoperta avvalora quanto è stato già rilevato nell’esperienza di medici e infermieri di hospice, cioè che i suoni e le voci delle persone amate danno conforto a chi si sta spegnendo per sempre. Gli studiosi, tuttavia, preferiscono essere cauti: di fatto, hanno ammesso di non essere stati in grado di confermare se i morenti comprendono ciò che sentono. Un altro ricercatore, Gallagher, ha aggiunto: “Non possiamo sapere se stanno ricordando, identificando la voce o capendo il linguaggio pur rispondendo allo stimolo uditivo. L’idea però è che dobbiamo continuare a parlare alla gente quando sta morendo perché qualcosa accade nel loro cervello”.

Leggi anche:

1. “La liquirizia ostacola l’ingresso del Coronavirus nelle cellule”: lo studio della Federico II di Napoli / 2. Covid, gli anticorpi che proteggono i guariti durano solo tre mesi: lo studio

Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Scienza / Così le nostre abitudini alimentari favoriscono la diffusione di pandemie
Scienza / Spazio, individuato un segnale da una galassia lontana: “batte come un cuore”
Scienza / Stasera la Superluna del cervo, la più grande dell'anno: quando e come vederla
Scienza / La Nasa mostra le immagini scattate dal telescopio Webb che svelano l'alba dell'universo
Scienza / Scoperto il batterio più grande del mondo: è visibile ad occhio nudo e arriva a 2 centimetri
Scienza / Trapiantato un orecchio stampato in 3D con cellule umane: è la prima volta al mondo
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”