Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Individuata una nuova formula (scientifica) per calcolare l’età dei cani

Immagine di copertina

È stata individuata una nuova formula (scientifica) per calcolare l’età dei cani

Un anno umano equivale davvero a sette anni di un cane? A quanto pare no. A smentire la famosa formula basata sul rapporto 1:7 è un team di ricerca americano, guidato dagli scienziati dell’Università della California di San Diego. Secondo l’Istituto Nazionale della Salute americana, l’NIH, la formula per calcolare l’età degli amici a quattro zampe è mutata nel corso del tempo ed è molto più complicata della regola dei sette anni.

Lo studio, che risponde al titolo di “Traduzione quantitativa dell’invecchiamento da cane a uomo mediante rimodellamento conservato delle reti epigenetiche”, ha visto il team di scienziati partire dai cambiamenti biologici dei genomi del cane durante il corso della vita. Gli studiosi hanno impiegato l’epigenetica come marcatore biologico per studiare il processo d’invecchiamento, un approccio relativamente nuovo che si basa sull’idea che le modifiche chimiche al Dna di un individuo durante la vita creano quello che è conosciuto come un “orologio epigenetico”, che potremmo definire come una sorta di diario dei cambiamenti del Dna. Da qui, gli scienziati hanno provato a ricostruire l’orologio canino, dopodiché hanno studiato i modelli di metilazione del Dna nei genomi di 104 esemplari, confrontandoli con quelli dell’essere umano.

La nuova formula scientifica per calcolare l’età di un cane

Infine, la scoperta: i cani (lo studio ha preso come punto di riferimento i Labrador Retriever) e l’uomo hanno una metilazione simile di alcune regioni genomiche, somiglianze ancor più evidenti quando lo studio ha messo a confronto cani giovani ed esseri umani giovani (così come cani anziani e umani anziani). E allora qual è la nuova formula da prendere in considerazione? Secondo lo studio, “Il confronto con i metilomi umani rivela una relazione non lineare che traduce l’età del cane in anni umani, allinea i tempi delle principali pietre miliari fisiologiche tra le due specie”.

Per calcolare l’età di un cane, bisogna utilizzare una calcolatrice scientifica. La nuova formula è la seguente: “età umana = 16 * ln (età del cane) + 31”. (la “l” sta per “log” e “n” sta per “natural”).

Esempio dalla calcolatrice scientifica di Google

Utilizzando tale formula, un cane di due anni avrà 42,1 anni negli umani. Un cane di cinque anni invece ne avrà 56,8 in corrispondenza umana, di conseguenza un cane di dieci anni ne avrà 67,8. Secondo questo recente studio, quindi, i nostri amici a quattro zampe invecchiano più rapidamente durante i primi anni di vita: un cane di un anno è paragonabile a un uomo di 30, mentre con la vecchiaia l’età si stabilizza. A partire dal settimo anno, l’invecchiamento del cane inizia a rallentare. La ricerca è stata condotta sui melitomi dei labrador, per questo gli studiosi hanno intenzione di condurre ulteriori indagini basandosi anche su altre razze.

Leggi anche:

1. Il cervello non smette di “sentire” in punto di morte: lo studio rivoluzionario / 2. La Nasa ha bisogno di un “water lunare”: 35mila euro a chi riesce a realizzarlo

Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio
Scienza / La crisi climatica rende fino a 9 volte più probabili le inondazioni che hanno devastato la Germania
Esteri / Tutto quello che (non) sappiamo sulla terza dose
Scienza / Risposte alla scienza vecchia della senatrice Cattaneo (di Piero Bevilacqua)
Scienza / Studio italiano scopre come il virus attacca tutto l'organismo
Scienza / Vaccini, lo studio su Pfizer e Moderna: “Ecco per quanto tempo proteggono dal Covid”
Scienza / Come reagisce il nostro cervello a smart working e didattica a distanza: lo studio