Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Recordati: approvata la fusione per incorporazione con Fimei e Rossini

Immagine di copertina

Dall'operazione, finalizzata a semplificare la catena di comando, ci si attende un vantaggio fiscale non ricorrente pari a 12,9 milioni di euro

Recordati annuncia di aver approvato la fusione per incorporazione nell’azienda di Fimei e Rossini.

Fondata nel 1926, Recordati è una multinazionale con sede a Milano, il cui fatturato deriva per una quota superiore al 96% dal settore farmaceutico e per la parte restante da quello chimico.

A seguito della fusione rimarranno invariate le partecipazioni nella società di Rossini pari al 51,82% e degli altri soci. Non ci sarà nessun effetto sulla posizione finanziaria netta né sulla strategia di allocazione del capitale della società e nessun riconoscimento in bilancio di goodwill o attività immateriali derivate dall’operazione, il cui obiettivo viene indicato nella semplificazione della governance.

Inoltre Recordati stima un vantaggio fiscale non ricorrente pari a 12,9 milioni di euro, oltre a un beneficio ricorrente di 1,3 milioni di euro annui. La fusione è soggetta all’approvazione dell’assemblea dei soci e alla conferma della correttezza del rapporto di cambio da parte del Tribunale. La data di efficacia contabile e fiscale del progetto di fusione è il 1 aprile 2021.

Ti potrebbe interessare
Economia / Eredita 4 miliardi di euro, ma li rifiuta: “È una questione di correttezza”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Economia / Banca Ifis: utile netto in crescita del 50% a 72,5 milioni di euro nel 1° semestre 2022
Ti potrebbe interessare
Economia / Eredita 4 miliardi di euro, ma li rifiuta: “È una questione di correttezza”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Economia / Banca Ifis: utile netto in crescita del 50% a 72,5 milioni di euro nel 1° semestre 2022
Lavoro / Sfruttati, sottopagati e sovraqualificati: fino a che punto vale la pena sacrificare la propria felicità in nome della produttività?
Lavoro / “Dovevo fermarmi per tornare a respirare”: le storie dei ragazzi che hanno lasciato il proprio lavoro
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Economia / Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto Aiuti bis. Le misure
Economia / Stellantis paga i dipendenti per licenziarsi. Il risultato? Forza lavoro ridotta dell’8% in due anni
Economia / Decreto Aiuti bis, aumento in busta paga e niente bonus di 200 euro. Le misure
Economia / Energia, col boom dei prezzi volano gli utili di Eni: quasi il 700% nel primo semestre 2022 con oltre 7 miliardi di euro