Covid ultime 24h
casi +9.938
deceduti +73
tamponi +98.862
terapie intensive +47

Scuola, l’idea di Zaia per organizzare la didattica a distanza

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 14 Ott. 2020 alle 10:54
248
Immagine di copertina
Credit: Ansa

Zaia: “Ecco come organizzare la didattica a distanza per prevenire stop totali”

La proposta del presidente della Regione Veneto Luca Zaia sulla didattica a distanza alle scuole superiori per alleggerire i mezzi di trasporto sovraffollati ha creato polemiche. “Io faccio interventi costruttivi e collaborativi. Mi meraviglio che il tema della scuola non venga affrontato senza pensare che, così facendo, prima o poi deflagrerà”, dichiara il governatore in un’intervista al Corriere della Sera  per precisare che “se è vero lo scenario che prefigura il governo, anche se in via prudenziale, non possiamo non pensare di mettere in sicurezza anche il mondo della scuola”.

Riflette Zaia: “Con la chiusura delle scuole sono andate in tilt le famiglie che hanno figli minori” e perciò si chiede: “Perché non valutare in via preventiva un eventuale piano per fare formazione a distanza alternata a lezioni in presenza con i ragazzi più grandi, dai 16 anni in su?”.

Zaia propone almeno di parlarne, ”perché serve il tempo di mettere a punto anche tutta la parte tecnologica: si chiama programmare e ottimizzare”. Ma nel frattempo ricorda anche che le linee guida sulla scuola elaborate a luglio dal Veneto, in seguito mutuate da tutte le Regioni italiane, “prevedono già anche la didattica mista in presenza e a distanza”. Quindi, chiosa Zaia: “Non c’è nessun reato di lesa maestà”.

E al ministro dell’Istruzione Azzolina manda a dire: “L’apertura delle scuole è un must per tutti noi, lo dice uno che si è battuto per le riaperture. Il tema è un altro: se vai in vacanza con previsioni di sole per tutta la settimana, in valigia un ombrello ce lo metti comunque. Dopodiché la competenza è del ministro e del governo visto che, purtroppo, non ci ha concesso l’autonomia. Resterà in calce ciò che ho detto e vedremo chi aveva ragione”. Quindi il governatore afferma anche di non aver “mai parlato di Didattica a distanza tout court” ma di aver proposto “una Dad alternata pensata in maniera organica che è diversa da quanto succede ora nelle scuole di molte regioni, non in Veneto, che non hanno aule a sufficienza”. Ovvero, la didattica “deve essere tarata sul tema degli assembramenti e dei trasporti, garantendo una sensata alternanza alle ultime classi delle superiori con un impatto minimo sull’esperienza scolastica”, conclude.

Leggi anche: 1. Scontro sui trasporti, le Regioni chiedono orari scaglionati per le scuole: oggi il tavolo con De Micheli; // 2. Nonostante il Covid abbiamo realizzato solo metà delle terapie intensive e usato un terzo dei fondi per posti letto e tamponi; // 3. “La gente non ci vuole mai credere fino a quando deve per forza toccare con mano che il virus non è mai stato meno letale”. Parla Cartabellotta del Gimbe

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

248
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.