Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Voto ai 16enni, Pisapia a TPI: “Si guarda con sospetto ai giovani ma sarebbe una buona palestra per la democrazia. Io proposi nel 1997”

Immagine di copertina
Giuliano Pisapia Credit: Ansa

L'europarlamentare dem ed ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia è stato tra i firmatari di una delle primissime proposte di legge per la concessione del diritto di voto dai sedici anni

Voto ai 16enni, Pisapia a TPI: “Io lo proposi nel 1997”

Voto a 16 anni, questo tema da giorni tiene banco su media e social. La proposta, lanciata dall’ex presidente del Consiglio Enrico Letta nell’ambito di un’intervista concessa al quotidiano Repubblica, ha raccolto l’opinione favorevole di esponenti politici di ogni partito, dal Movimento 5 Stelle al Partito Democratico al premier Giuseppe Conte.

Non è la prima volta che l’opinione pubblica e la politica affrontano questo tema, anzi, il dibattito prosegue incessante da almeno vent’anni. Nel recente passato, poi, numerosi leader di partito si sono detti favorevoli all’abbassamento dell’età minima per il diritto di voto dai 18 ai sedici anni, tra cui il segretario della Lega Matteo Salvini e il fondatore del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo.

A distanza di tempo, si torna ora a discutere della tematica del voto a 16 anni, che vede due fronti decisamente contrapposti: da un lato i favorevoli sostengono che sarebbe giusto allargare la platea ai giovanissimi che al momento sono sotto-rappresentati a livello elettorale per cause soprattutto demografiche; dall’altro, invece, il fronte dei detrattori critica la proposta perché a sedici anni ben pochi giovani sarebbero in grado di esprimere un voto coscienzioso e informato per mancanza di competenze.

Per inquadrare meglio la questione, TPI ne ha discusso con l’europarlamentare dem ed ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia, tra i firmatari di una delle primissime proposte di legge per la concessione del diritto di voto dai sedici anni.

Voto a 16 anni, parla Pisapia

Onorevole Pisapia, nel 1997 fu tra i firmatari di una proposta di legge che mirava estendere il diritto di voto ai sedicenni. Come mai pensò potesse essere una riforma importante per il Paese?

Mi sembrava il giusto riconoscimento del ruolo che avevano i giovani nella vita pubblica. Dalla scuola al volontariato, dal tempo libero all’impegno collettivo, i sedicenni erano già protagonisti autonomi delle loro scelte.

La seconda ragione era che le decisioni assunte dal Parlamento riguardano in gran parte il futuro dei giovani. Sono cose che pensavo più di vent’anni fa e che oggi ritengo più che mai attuali. Con tutti gli strumenti che oggi la tecnologia e l’innovazione ci offrono è ancora più rapido e realizzabile il principio “conoscere per deliberare”. Il voto ai sedicenni è una presa d’atto del loro ruolo di cittadini a pieno titolo nel nostro Paese.

Di diritto di voto dai sedici anni si discute ormai da più di vent’anni ma non si è mai arrivati a un’approvazione definitiva della legge nonostante quasi tutte le forze politiche parlamentari siano concordi. Secondo lei perché?

Evidentemente perché non è vero che tutti sono d’accordo. È una questione di valutazione soggettiva. Non è che i buoni la pensano in un modo e i cattivi in un altro. Credo che anche in questa, come in molte altre questioni delicate che interrogano le coscienze – ad esempio per restare all’attualità, il dibattito sul fine vita – il modo di procedere corretto sia quello di lasciare ai parlamentari libertà di voto.

In questo modo al di là degli schieramenti, se è una riforma che la maggioranza del Paese considera matura, potrà essere approvata. Il voto a sedici anni in Italia può essere un segnale per l’intera Europa; un segnale chiaro di maggior coinvolgimento dei nostri giovani nella vita democratica. Non solo a parole, ma con i fatti.

Voto a 16 anni, molti sostengono che non si abbiano la maturità e le competenze necessarie per esprimersi…

A volte la maturità e la competenza non c’è neanche a diciotto, e nemmeno a venti, o a trenta… Ma non bisogna fare valutazioni soggettive. Sono convinto che la società di oggi metta nelle condizioni i giovani di conoscere e di poter scegliere con criterio. Lo stesso che muove le scelte degli adulti.

I giovani sono evidentemente sotto-rappresentati, anche per ragioni prettamente demografiche, e questo ha comportato spesso una mancanza di visione politica ed economica a lungo termine. Estendere il voto ai giovanissimi potrebbe in qualche modo spingere la classe politica ad avere un occhio di riguardo in più per le giovani generazioni?

In realtà mi pare che, non solo nel nostro Paese – penso ad esempio all’Austria, l’età della classe politica si sia molto abbassata. Abbiamo appena avuto un vice premier di 30 anni! E se devo essere onesto devo dire che non mi pare che il solo criterio dell’età sia garanzia sufficiente di lungimiranza.

Il coinvolgimento dei giovanissimi con il voto mi sembra una buona palestra per aiutare i più “senior” ad avere visioni politiche più “fresche” e i più giovani a imparare a fare i conti con le difficoltà del governare.

Pensiamo solo alle battaglie ambientali. Noi adulti possiamo studiare, possiamo aggiornarci, possiamo sforzarci di decodificare le richieste e i pensieri dei nostri ragazzi, ma vi sono degli evidenti limiti. I giovani devono cogliere che la politica non è una cosa distante da loro. Al contrario essi devono “sporcarsi le mani” mettendoci la faccia battendosi per le loro idee.

In qualche modo la politica ha tradito le aspettative dei millennials e delle generazioni più giovani?

Non credo a questa divisione manichea tra giovani e meno giovani. Le differenze passano tra persone diverse, con culture e valori diversi, non di età diversa.

Per quanto mi riguarda nella mia esperienza da sindaco di Milano ho scelto di avere degli assessori giovanissimi e credo che, insieme, siamo riusciti a fare delle ottime sintesi.

Loro mi hanno insegnato molte cose, hanno portato un valore aggiunto notevole, ma quello che ha funzionato è stato il mix di freschezza ed esperienza. Siamo un popolo che guarda ancora con sospetto un giovane che ricopre un ruolo chiave. In altri Paesi è la norma, da noi un’eccezione.

> Se per lo Stato i 16enni non sono abbastanza maturi per guidare, perché mai dovrebbero esserlo per votare? (di Luca Telese)

Ti potrebbe interessare
Politica / Dini scrocca il Financial Times al Senato? Il quotidiano britannico gli regala l’abbonamento gratis
Politica / Matteo Ricci a TPI: “Sono il primo giallorosso d’Italia”
Politica / L’audio di Salvini scuote il centrodestra: “Da Fratelli d’Italia troppe rotture di coglioni”
Ti potrebbe interessare
Politica / Dini scrocca il Financial Times al Senato? Il quotidiano britannico gli regala l’abbonamento gratis
Politica / Matteo Ricci a TPI: “Sono il primo giallorosso d’Italia”
Politica / L’audio di Salvini scuote il centrodestra: “Da Fratelli d’Italia troppe rotture di coglioni”
Politica / Berlusconi vuole un uomo solo alla guida del centrodestra: tre i nomi riservati
Politica / Incontro tra Berlusconi, Salvini e Meloni: “Centrodestra compatto". Ma in Forza Italia scoppia il caso Gelmini
Politica / Aumenti bollette, Draghi annuncia nuovi provvedimenti per tutelare le fasce deboli
Politica / Grillo difende il reddito di cittadinanza: “Una delle riforme sociali più importanti della storia”
Politica / Bilancio, governo approva documento programmatico: addio a Quota 100, più controlli sul Reddito di cittadinanza
Politica / Camera, il ritorno di Enrico Letta: standing ovation del Pd. “Non chiederemo il voto anticipato”
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”