Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Se per lo Stato i 16enni non sono abbastanza maturi per guidare, perché mai dovrebbero esserlo per votare?

Immagine di copertina

Far votare i 16enni è solo una soluzione superficiale: diamo alle coscienze il tempo di crescere. Il commento di Luca Telese

Se per lo Stato i 16enni non sono abbastanza maturi per guidare, perché mai dovrebbero esserlo per votare?

Ho detto, con una battuta, che sarei favorevole al voto ai sedicenni a patto che sottoscrivessero un impegno a non usare mai la PlayStation. Ma il vincolo – in senso metaforico – ovviamente dovrebbe essere esteso anche agli adulti. In democrazia, però, i diritti non si acquisiscono in base al merito, quanto per requisito anagrafico.
Il tema tuttavia, provocazioni a parte, è questo: a sedici anni si possono coltivare grandissime passioni, anche quella di cambiare il mondo, ma non si ha l’obbligo di aver elaborato una coscienza civile.

Voto ai 16enni: gli adolescenti sono pronti a recarsi alle urne? La risposta, dati alla mano

Le leggi di uno Stato, sopratutto quelle che hanno a che vedere con la cittadinanza (e con la rappresentanza), non devono contemplare le opzioni del possibile (ad esempio il fatto che esistano giovani con grande senso di responsabilità) ma piuttosto con il vincolo della necessità (esistono tanti imbecilli che votano, malgrado la loro scarsa attitudine). Quindi traduco: se io per lo Stato non sono abbastanza maturo al punto da consentirmi di guidare una macchina, perché mai dovrei diventarlo addirittura fino ad essere in grado di individuare un leader? E se per lo Stato non sono “maturo” dal punto di vista scolastico, perché mai dovrei esserlo da quello elettorale, al punto da potermi farmi una mia autonoma idea politica sul presente?

Diritto di voto a 16 anni? C’è chi lo chiedeva già 20 anni fa. Ecco i precedenti

I programmi dell’ultimo anno delle scuole superiori non sono un inutile orpello nella formazione di uno studente, ma sono il terreno in cui i ragazzi prendono contatto con la storia del Novecento e scoprono – generalmente – perché mai viviamo in una Repubblica e non in un Emirato, perché abbiamo la fortuna di disporre di una Costituzione e non di un semplice regolamento condominiale. Con l’esame di maturità i ragazzi scoprono quello per cui secondo i suoi professori maturano i requisiti minimi per entrare da adulti nel tempo delle scelte. Quindi, forse, la soluzione più superficiale e più fatua è proprio chiedere l’estensione del diritto di voto ai 16enni.

Voto ai sedicenni: ecco i Paesi nei quali è già consentito

Che sarebbe come concedere l’uso della macchina a qualcuno che non ha ancora sostenuto l’esame per la patente. Nel sistema elettorale terribilmente censitario di fine ottocento i socialisti dovevano insegnare agli analfabeti a fare la propria firma per consentire loro di poter esprimere il voto. Era il simbolo, quel rito di accesso, di una odiosa barriera di classe, che discriminava – in un paese di analfabeti – gli strati più poveri della popolazione. Oggi sarebbe folle passare da un estremo all’altro, dagli esami di attitudine al tana libera tutti. Dobbiamo dare alle coscienze il tempo di crescere, sapendo che anche quando si gioca con gli aggettivi il contrario di “elitario” non è “inflazionato”, ma democratico.

Enrico Letta vuole dare ai 16enni il diritto di voto

Conte e Di Maio aprono al voto ai ragazzi di 16 anni

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Caro-energia: perché decabornizzare è meglio di diversificare (di L. de Santoli)
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Opinioni / Sui diritti umani c’è ancora tanto da fare, ma le donne iraniane ci ricordano ciò per cui vale la pena lottare
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Caro-energia: perché decabornizzare è meglio di diversificare (di L. de Santoli)
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Opinioni / Sui diritti umani c’è ancora tanto da fare, ma le donne iraniane ci ricordano ciò per cui vale la pena lottare
Opinioni / Criminalizza gli studenti e disprezza i poveri: il primo a essere rimandato dovrebbe essere il ministro Valditara (di L. Telese)
Opinioni / Bollette, Buste paga e Benzina: ecco le 3 B dalle quali deve ripartire la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / I vecchi elenchi non sono carta straccia, raccontano come erano le nostre città (di S. Mentana)
Opinioni / Ma voi ve la ricordate, Letizia Moratti? (di L. Telese)
Opinioni / Discutere di Letizia Moratti per la sinistra è un segno dei tempi. Pessimi
Opinioni / Da “Io sono Giorgia” a “Io sono Mario bis”, il passo è stato breve grazie a Giorgetti (di G. Gambino)
Opinioni / Toccatemi tutto ma non Giorgia: ecco il metodo Sallusti, elogi sperticati alla premier, insulti per tutti gli altri