Voto ai sedicenni: ecco i Paesi nei quali è già consentito

Dopo la proposta di Enrico Letta, in Italia si torna a parlare della possibilità di abbassare l’età minima per andare alle urne. Esprimere le proprie preferenze in cabina elettorale da under 18 avviene già in diverse nazioni sia in Europa che fuori

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 30 Set. 2019 alle 21:04 Aggiornato il 30 Set. 2019 alle 21:08
38
Immagine di copertina
Credit: Twitter

Voto ai sedicenni: ecco i Paesi nei quali è già consentito

Dopo la proposta di Enrico Letta, in Italia si torna a parlare della possibilità di abbassare l’età minima per andare alle urne. Ma quali sono questi paesi?

I paesi dove si vota già a 16 anni

Secondo quanto riporta il documento ufficiale della Cia World Factbook, sono numerosi i Paesi che garantiscono agli under 18 la possibilità di votare: in Europa avviene in Austria, dove è possibile andare alle urne a 16 anni dal 2007, così come in Germania, dove dal 2011 i sedicenni di alcune regioni possono votare alle elezioni regionali e locali.

In Bosnia, Croazia, Serbia e Slovenia si può votare a 16 anni se si possiede un posto di lavoro, mentre in Ungheria si può andare alle urne a quell’età se si è sposati.

Diverso il caso della Grecia, dove nel 2016 il governo Tsipras ha approvato la riduzione da 18 a 17 anni. A Malta, dal 2014 si poteva votare a 16 anni in alcuni casi specifici ovvero le elezioni locali, poi a partire dal 2018 questo limite di età è stato adeguato anche per le nazionali.

Nel Regno Unito, infine, la possibilità di votare a 16 anni è data soltanto ai cittadini scozzesi ma non in tutte le circostanze. Gli under 18 sono andati alle urne per il referendum sull’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 2014 e poi nel 2015 per le elezioni del Parlamento scozzese. Nessun diritto di voto ai 16enni invece nel referendum Brexit.

Voto a 16 anni: dove fuori dall’Ue?

Tra i Paesi extra-europei che permettono il voto ai sedicenni, l’Argentina e il Brasile, Paesi in cui il voto nella fascia 18-70 anni è obbligatorio e chi si sottrae rischia una multa.

Le urne sono aperte ai sedicenni anche a Cuba, in Ecuador – che prevede voto obbligatorio da 18 a 65 anni – e in Nicaragua. Cinque paesi prevedono il voto a 17 anni: Timor Est, Etiopia, Indonesia, Corea del Nord e Sudan.

Intanto la proposta ha registrato il via libera del presidente del Consiglio Giuseppe Conte: “Abbassare la soglia per votare a 16 anni per me va benissimo. Ci sta. In altri ordinamenti già lo fanno”, ha detto Conte intervenendo in diretta a Skuola.net.

> Enrico Letta vuole dare ai 16enni il diritto di voto

> Conte e Di Maio aprono al voto ai ragazzi di 16 anni

38
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.